Aquiloni invece dei caccia, in piazza contro la vendita di armi verso Israele

Aquiloni e girandole fabbricate da bambini contro aerei e cannoni costruiti per uccidere: è una delle iniziative che oggi a Venegono (in provincia di Varese) accompagnerà una manifestazione nazionale contro un accordo promosso dal governo italiano che prevede l’esportazione in Israele del nuovo velivolo addestratore M346 di Alenia AerMacchi.

La manifestazione, promossa da diverse espressioni della società civile italiana, tra cui la Commissione Giustizia e pace dei missionari comboniani, parte da una considerazione di base così sintetizzata dai promotori: benché definiti come “addestratori tecnologicamente avanzati” i 30 M346 destinati a Israele sono “in realtà già strutturati per essere armati con missili o bombe”. Il timore è dunque che queste armi possano essere utilizzate in contesti di conflitto in particolare contro i palestinesi dei Territori occupati.

A Venegono, dove si trovano gli stabilimenti dell’Alenia AerMacchi, è previsto un intervento di padre Alex Zanotelli. “Il nostro paese – dice alla MISNA Elio Pagani, dell’associazione DisArmiAmoLaPace di Varese – non avrebbe dovuto sottoscrivere l’accordo di cooperazione con Israele perché esso viola la legge 185/90 che pone limiti all’export di armi verso paesi belligeranti; averlo fatto costituisce una grave violazione di quella legge”.

More informations about italian weapons export to Israel and to others

[slideshare id=14714186&doc=4208-121013132505-phpapp02]

[slideshare id=14714204&doc=banche2012operazioni2011-121013132837-phpapp02&type=d]

[slideshare id=14714245&doc=bancheprogintergovernativi2011-121013133210-phpapp01&type=d]

[slideshare id=14714289&doc=rapportopcm2011-121013133523-phpapp01&type=d]

thanks to:

Giorgio Beretta

Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.