“It’s as if we are living on another planet” “É come vivere su un altro pianeta”

Dr Kamalian Sha’ath, President of the Islamic University of Gaza, is one of many dedicated academics providing higher education in the Gaza Strip. The Islamic University was one of the sources for the report ‘ Academia Undermined: Israeli Restrictions on Foreign National Academics in Palestinian Higher Education Institutions Field Research by Ruhan Nagra’ published by the ‘Right to Enter’ organisation. This report highlights that the closure on Gaza is not only on raw materials and freedom of movement but also an academic blockade, and that the prospects of academic enlightenment are under equal threat in the West Bank. The report focuses on one university in Gaza; the Islam University, as well as three in the West Bank; Birzeit, Bethlehem and al-Quds. The report states that the closure is designed to cripple the prospects of university education. Dr Kamalian was more than happy to highlight the struggle he and his colleagues have been engaged in, in an effort to further academia in the Gaza Strip.

 Since the State of Israel tightened its closure of the Gaza Strip in 2007, prospects for exchange with academic institutions outside Gaza have been severely restricted. Israel currently limits the ability of international academics to take up lecturing and research positions in the Gaza Strip and the West Bank through a number of different approaches, from denying entry for ‘security reasons’ to issuing visas that only permit the holder to stay for a matter of weeks. The resulting isolation of Palestinian academics has a detrimental effect on higher education institutions in the Gaza Strip, and prospects for good quality higher education are steadily worn away. There are few opportunities for students to obtain a Masters degree, and only one post-doctorate programme is available.

Dr Kamalian provides an insight into how universities are attempting to overcome the obstacles posed by the Israeli-imposed closure: “When we opened the university in 1978, the Israeli occupation forces were still inside the Gaza Strip. The Strip was divided into three parts, with movement between them restricted, causing us tremendous difficulties in teaching the students. For the first few years, we taught them in makeshift tents. Anytime we tried to build educational facilities, the Israeli military would destroy what we had built. I remember once UNESCO wanted to come and visit the university; out of a team of many, only one was allowed to enter Gaza. The rest were prevented for so-called ‘security reasons’. We have come very far since then, and I am proud of the work people here have done, but the struggle is not over yet.”

Israel also imposes confusing guidelines for what constitutes a ‘foreign academic’. “You have many Palestinians who are considered ‘foreign’ so are therefore not allowed back to their homeland to teach. For example, my brother was studying in Egypt during the 1967  War. Because he was not in the country at the time of the war, when he tried to return to Palestine he was prevented from doing so and, since then, he has been categorised as a ‘foreigner’ by the Israelis. It is ridiculous to think that the Israelis can say who is a Palestinian and who is not. We carry Palestinian ID cards that are given to us by the Israelis!”

“Palestine has a wealth of educated Palestinians who were born abroad. For example, we have few thousand doctors in Germany alone. Many have attempted to come home to take up research positions, or even to volunteer in the surgery departments of hospitals, and most have been denied. Palestinian academics who live abroad have a strong desire to return home and bring their knowledge and experience with them.”

By restricting freedom of movement between borders, Israel is, in turn, crippling academic institutions in the Gaza Strip and the West Bank. “If mobility is needed for anything, it is needed for education,” Dr Kamalain says. “Universities are like people. They need interaction. They need to socialise to achieve their full potential. Without this, they are nothing. Because of the closure, we lack what many others take for granted – interaction with different schools of thought. It’s as if we are on another planet! We only have one PhD programme available, studies of the Hadith. Though we pride ourselves on the language abilities of our students, we need someone with a post-doctorate who can teach English well. The same goes for a variety of subjects.”

“We have found ways to get around this” Dr Kamalain says, chuckling. “Each course has two video conferences per term with universities around the world and these have proved to be highly effective. However, the closure still causes us incredible inconvenience. For example, in order to meet with my colleagues in Najah University in the West Bank, where I used to teach, we all had to go to Italy to hold a conference. It’s crazy to think that, instead of me being allowed to drive around 90 minutes to Nablus [where Najah National University is located], everyone had to fly to Italy!”

The Islamic University of Gaza has a total of 21,000 students, demonstrating the high demand for university education. When asked what most affects the students’ opportunities to learn, Dr Kamalian replied that both the closure and regular Israeli offensives on the Gaza Strip have a negative impact. “However, the closure affects us most. We and our students share a strong desire for some form of ‘internationalisation’. In academia, it is essential to encounter multiple schools of thought, so that we can improve ourselves and our education techniques.”

University education in the Gaza Strip and the West Bank is greatly impacted during military escalations: “All universities were closed by Israel for the entire duration of the First Intifada. For four years, we had to hold classes in mosques, in homes, wherever we could find the space. During the last two offensives on Gaza, Israel has systematically targeted the civilian infrastructure of the entire region – roads, schools, hospitals, and even our university. Our entire Science Department was destroyed in an air strike in 2008. Research and equipment, which it had taken us 30 years to accumulate, were destroyed in a matter of minutes. To this day, one of the buildings is still under construction. Other universities in Gaza had to take in the students that were affected by this.”

“Universities in both the West Bank and the Gaza Strip are suffering, though in Gaza more so because we are completely cut off. International academics are put off by various factors; even if they somehow manage to obtain entry, they are not allowed to come and go as they please. And the possibility of an unprovoked attack by Israel is also a terrifying thought for many who have not grown up in a conflict zone.”

As unemployment levels in the Gaza Strip are at 40%, job prospects for university graduates are also very limited. “Information Technology is by far the industry our students have had most success in after university. However, there is no denying that unemployment is a serious issue that needs to be addressed fast.” When asked what the future holds for universities in Gaza if the situation does not change, Dr Kamalain smiles: “Life will continue. The struggle will continue. We hope that Israel will soon bow to international pressure and lift the closure, so that life may return to normal. If not, we will have to continue as we have always done.”

Under international law, article 26 of the Universal Declaration of Human Rights and article 13 of the International Covenant on Economic, Social and Cultural Rights (ICESCR) recognise the right of everyone to education. According to article 13.1 of the ICESCR, this right is directed towards “the full development of the human personality and the sense of its dignity”, and enables all persons to participate effectively in society. The Committee on Economic, Social and Cultural Rights (CESCR) has made it clear according to a meeting chaired on 8 December 1999 that education is seen both as a human right and as “an indispensable means of realizing other human rights”, and so this is one of the longest and most important articles of the Covenant.

Article 12 of the 1966 International Covenant on Civil and Political Rights also guarantees that “everyone shall be free to leave any country, including his own, and no one shall be arbitrarily deprived of the right to enter his own country.” This includes the right to travel for educational purposes, be it as a student or academic. Moreover, according to the United Nations Human Rights Committee [General Comment No. 27], “The right of a person to enter his or her own country recognizes the special relationship of a person to that country”. Also according to the International Court of Justice, persons who have a genuine and effective link to a country, such as habitual residence, cultural identity, and family ties cannot simply be banned from returning to that country.

The destruction of the medical, engineering and science block of the Islamic University in 2008 constitutes a violation of Article 53 of the Fourth Geneva Convention. Under this statute, the destruction of private property is prohibited unless rendered absolutely necessary by military operations.  Furthermore, according to the second paragraph of Article 8 (b)(i) “intentionally directing attacks against civilian objects, that is, objects which are not military objectives” constitute war crimes.

Finally, the Israeli-imposed closure of the Gaza Strip amounts to a form of collective punishment, which is a violation of article 33 of the Fourth Geneva Convention. As it inflicts great suffering on the civilian population of Gaza, it also amounts to a war crime, for which the Israeli political and military leadership bear individual criminal responsibility.

________________________________________________________________________

Gaza – Pchr. Il dottor Kamalian Sha’ath, presidente dell’Università Islamica di Gaza, è uno dei molti accademici impegnati a fornire istruzione superiore nella Striscia di Gaza. L’Università Islamica è stata una delle fonti per il report pubblicato dall’associazione Right to Enter, firmato da Ruhan Nagra e intitolato “Mondo accademico indebolito: le restrizioni israeliane all’ingresso di docenti stranieri nei Territori palestinesi occupati”.

Questo rapporto evidenzia come il blocco di Gaza non riguarda solo i materiali grezzi e la libertà di movimento delle persone, ma costituisce anche un blocco accademico, e che le prospettive di sviluppo accademico sono egualmente minacciate anche in Cisgiordania. Il rapporto si concentra su un’università di Gaza, l’Università Islamica, e su tre università della Cisgiordania: Birzeit, Bethlehem e al-Quds. In esso si afferma che il blocco è programmato per minare le prospettive dell’istruzione universitaria. Il dottor Kamalian si è dimostrato felice di poter parlare della battaglia in cui, assieme ai suoi colleghi, si sta impegnando allo scopo di migliorare la situazione accademica nella Striscia di Gaza.

Da quando Israele ha inasprito il blocco della Striscia di Gaza, nel 2007, le prospettive di scambio accademico con università straniere sono state pesantemente penalizzate. Israele attualmente, con una serie di motivazioni diverse, limita le possibilità, ai docenti internazionali, di intraprendere lettorati e ricerca nella Striscia di Gaza e in Cisgiordania. Si va dalle “ragioni di sicurezza” all’emissione di visti che permettono un accesso di poche settimane soltanto, il cui risultato è l’isolamento degli accademici palestinesi e, indirettamente, l’impoverimento delle prospettive di un’istruzione superiore di qualità. Gli studenti hanno poche possibilità di conseguire un master, ed è disponibile un solo programma di post dottorato.

Il dottor Kamalian ci illustra come le università stiano tentando di arginare gli effetti degli ostacoli derivanti dal blocco imposto da Israele: “Quando aprimmo l’università, nel 1978, le forze di occupazione israeliane si trovavano ancora all’interno della Striscia di Gaza. La Striscia era divisa in 3 parti, attraverso le quali la libertà di movimento era limitata, con conseguenti difficoltà nell’insegnamento. Durante i primi anni insegnavamo sotto tende improvvisate, in quanto, ogni qual volta si tentava di costruire strutture per l’istruzione, Israele le distruggeva. Ricordo che una volta l’Unesco volle venire a visitare l’università, ma della numerosa delegazione solo a un membro fu permesso l’accesso a Gaza. Gli altri furono bloccati per “ragioni di sicurezza”. Da allora abbiamo fatto molta strada, e sono molto orgoglioso di tutto il lavoro che le persone qui hanno svolto, ma la lotta non è ancora terminata”.

Israele, inoltre, impone linee guida confuse riguardo la definizione di “docente straniero”. “Ci sono molti palestinesi considerati stranieri, e, pertanto, non ammessi a rientrare nella loro patria per  insegnare. Ad esempio, mio fratello durante la guerra del 1967 stava studiando in Egitto. Non essendo in Palestina al momento del conflitto, quando poi volle ritornare a casa non gli fu permesso, e da allora è stato definito, da Israele, ‘straniero’. E’ ridicolo pensare che Israele possa stabilire chi è palestinese e chi no. Le nostre carte d’identità ci vengono rilasciate da Israele!”

La Palestina ha un gran numero di palestinesi istruiti nati all’estero. Ad esempio, solo in Germania abbiamo alcune migliaia di medici. In molti hanno tentato di tornare qui a fare ricerca, o a prestare volontariato nei reparti chirurgici degli ospedali, ma alla maggior parte è stato vietato l’ingresso. Hanno un gran desiderio di tornare a casa a portare la loro conoscenza e la loro esperienza”.

Limitando il movimento tra i confini, Israele penalizza le istituzioni accademiche nella Striscia di Gaza e in Cisgiordania. “Le università sono come le persone”, continua il dottor Kamalian: “Hanno bisogno di interagire, di socializzare e di raggiungere le loro potenzialità. Senza ciò, non sono nulla. A causa del blocco ci manca ciò che molti altri danno per scontato, l’interazione con diverse scuole di pensiero. E’ come vivere su un altro pianeta! Abbiamo un solo programma di dottorato, sullo studio degli Hadith. Seppur orgogliosi delle capacità linguistiche dei nostri studenti, avremmo bisogno di qualcuno con un post dottorato che sappia insegnare bene l’inglese. E lo stesso vale per diverse altre materie”.

“Abbiamo trovato una nostra soluzione”, dice il dottor Kamalian con una risatina. “Ciascun corso ha due video-conferenze per trimestre con università straniere, e ciò si è rivelato molto efficace. Ma il blocco continua a causare incredibili difficoltà. Ad esempio, per potermi incontrare con i miei ex colleghi dell’università Najah, in Cisgiordania, dobbiamo tutti viaggiare in Italia per poter tenere conferenze. Questo è pazzesco se si pensa che mi basterebbero 90 minuti per arrivare a Nablus (luogo in cui l’si trova l’università di Najah). E invece, tutti in Italia!”

L’università islamica di Gaza conta 21 mila studenti, il che dimostra la grande richiesta di istruzione universitaria. Alla domanda riguardo il maggior ostacolo alle opportunità di studio degli studenti, il dottor Kamalian risponde che sia il blocco di Gaza che le offensive israeliane hanno un grande impatto negativo. “Ma ciò che più ci penalizza è il blocco. I miei studenti ed io condividiamo un forte desiderio di ‘internazionalizzazione’. Nel mondo accademico è fondamentale incontrare scuole di pensiero differenti, per migliorarsi e per migliorare le tecniche didattiche”.

L’istruzione universitaria nella Striscia di Gaza e in Cisgiordania è poi fortemente penalizzata durante le intensificazioni militari. “Tutte le università sono state fatte chiudere da Israele durante l’intera durata della Prima intifada. Per 4 anni abbiamo tenuto i corsi nelle moschee, nelle case, ovunque si trovassero gli spazi. Nel corso delle ultime due offensive su Gaza, Israele ha ripetutamente colpito le infrastrutture civili dell’intera regione – strade, scuole, ospedali, e anche la nostra università. La nostra Facoltà di Scienze è andata completamente distrutta in un attacco aereo nel 2008: in pochi minuti sono andate distrutte ricerche svolte nel corso di 30 anni di studi, così come l’attrezzatura di facoltà. Oggi, uno dei due edifici è ancora in fase di costruzione, e gli studenti continuano ad essere ospitati presso altre università di Gaza”.

“Le università ne risentono sia in Cisgiordania che a Gaza, ma a Gaza maggiormente, in quanto siamo completamente tagliati fuori. Inoltre, i docenti internazionali sono scoraggiati da diversi fattori: dal visto limitato ma anche da un possibile e non provocato attacco israeliano, che può terrorizzare chi non è cresciuto in una zona di guerra”.

Poiché il livello di disoccupazione nella Striscia di Gaza raggiunge il 40%, le prospettive di lavoro di un laureato sono anche molto scarse. “L’informatica è il settore in cui i nostri studenti hanno ottenuto migliori risultati dopo la laurea. Ma la disoccupazione è una questione seria che va affrontata al più presto”.

Con un sorriso, il dottor Kamalian aggiunge: “La vita continua. La lotta continuerà. Speriamo che Israele ceda presto alle pressioni internazionali ed elimini il blocco, in modo che la vita qui possa tornare alla normalità. Se ciò non accadrà, continueremo come abbiamo sempre fatto”.

In base al diritto internazionale, l’articolo 26 della Dichiarazione universale dei diritti umani e l’articolo 13 del Patto internazionale sui diritti economici, sociali e culturali (Icescr) riconoscono il diritto di ognuno a un’istruzione. Secondo l’articolo 13.1 dell’Icescr tale diritto è finalizzato al “pieno sviluppo della personalità umana e alla sua dignità”, e a permettere una partecipazione sociale attiva. Il Comitato sui diritti economici, sociali e culturali (Cescr) ha stabilito in un incontro tenutosi l’8 dicembre 1999 che l’istruzione è sia un diritto umano che “uno strumento indispensabile per comprendere altri diritti umani”.

L’articolo 12 del Patto internazionale sui diritti politici e civili, del 1966, garantisce poi che “ognuno dev’essere libero di poter lasciare qualsiasi Paese, incluso il proprio, e che nessuno debba essere arbitrariamente privato del diritto di entrare nel proprio Paese”. Ciò comprende il diritto di viaggiare per motivi di studio, sia come studente che come docente. Inoltre, secondo il Comitato delle Nazioni Unite sui diritti umani (Commento generale n.27), “il diritto di una persona ad entrare nel proprio Paese riconosce il rapporto speciale della persona con quel determinato Paese”. Inoltre, secondo il Tribunale di giustizia internazionale, a coloro che hanno un reale ed effettivo rapporto con un Paese, come la residenza abituale, l’identità culturale e i vincoli familiari, non può essere negato il ritorno.

La distruzione dell’edificio delle facoltà di medicina, ingegneria e scienze dell’Università islamica, avvenuta nel 2008, costituisce una violazione dell’articolo 53 della Quarta convenzione di Ginevra, che stabilisce che la distruzione di una proprietà privata è vietata, a meno che le operazioni militari non la rendano assolutamente necessaria. Inoltre, in base al secondo paragrafo dell’articolo 8 (b)(i) “l’attacco intenzionale contro obiettivi civili, ovverosia contro obiettivi non militari” costituisce crimine di guerra.

Infine, il blocco di Gaza imposto da Israele rappresenta una forma di punizione collettiva, che viola l’articolo 33 della Quarta convenzione di Ginevra. Infliggere grandi sofferenze sulla popolazione di Gaza, costituisce anche crimine di guerra, per il quale la leadership politica e quella militare israeliane sono criminalmente e individualmente responsabili.

Traduzione per InfoPal a cura di Stefano Di Felice

thanks to:

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.