The Palestinians’ last option: A struggle for equal rights – L’ultima opzione dei palestinesi : una lotta per la parità dei diritti

Palestinians must shed the illusion of the current peace process and at least push for equitable rights.

by Ghada Karmi

Once upon a time, Palestine was the Arab world’s unifying cause. Justice for the Palestinians was considered a basic pre-requisite for regional stability and peace, and it was an idea that had global resonance. Today, the picture is different and the Palestinian cause has been falling off the political agenda ever since the onset of the Arab Spring, the Syrian conflict, and Israel’s success in placing Iran’s nuclear programme at the centre stage.

This month, a study by the Arab Centre for Research and Policy Studies confirms this slide. A survey of over 20,000 respondents in 14 Arab countries revealed a widespread engagement, not with Palestine, but with the Arab revolutions and their future, with Syria and the need for democratic systems of government. Only a third cited Israel as the greatest regional threat, about the same percentage as Iran amongst those living in Iraq and the Gulf.

This change comes on top of a gradual loss of Palestinian unity due to the fragmentation of Palestinian society into those under occupation, divided between the West Bank, Gaza and Jerusalem, those in Israel, those in refugee camps and the rest in exile. The result has been increasingly to replace the national cause with local causes. For example, in November 2012 and again last week demonstrations against economic hardship erupted in the West Bank. The Palestinian Authority has a $4.2 billion debt and a World Bank report in March found an economic slowdown, with low exports and long term unemployment; Gaza is isolated and besieged and survives largely on a tunnel smuggling economy. In such circumstances it is hardly surprising that people’s top priority should be how to feed their families, and Palestinian communities elsewhere will have likewise developed their own local priorities.

Palestinians will need to act urgently if their cause is not to be finally buried. The fact that the West is still engaged in trying to solve the Israeli-Palestinian conflict is not a cause for optimism. It does not signify a revival of the Palestine cause’s centrality, but a push for an end to the conflict on terms most favourable to Israel. The US and Europe, with the recent addition of China, have been urging a renewal of peace talks between Israel and the Palestinians. The US Secretary of State, John Kerry, has visited the region half a dozen times in this endeavour, and has pledged $4 billion in aid to encourage the PA. In April, an Arab delegation was in Washington to present a revised Arab Peace Plan which offered Israel a land swap with the Palestinians, hoping to draw it into peace talks. More recently Sweden, with the same aim, decided to punish the Palestinians for failing to negotiate with Israel by possibly reducing their aid by 200 million kronor ($30 million).

What these parties are pushing for is the two-state solution which has dominated the political discourse for decades and has never, even partially, been realised. Nevertheless, the international consensus still holds that this solution is the only way forward. Yet a glance at the map will show that no such solution is possible.

Currently, the West Bank and East Jerusalem house some 500,000 Jewish settlers living in more than 130 settlements dispersed throughout these areas. In Jerusalem, many settler groups have infiltrated the Old City and the Arab neighbourhoods still left unoccupied by Israel. Another thousand settler homes are planned for June. Gaza, an essential part of any future Palestinian state, is besieged and cut off from the West Bank, and is governed by a Hamas government split off from the Fatah-dominated PA in the West Bank and likely to remain so.

Two-state solution unlikely

Since the reality on the ground precludes a two-state solution as envisaged in the Arab peace plan – a Palestinian state on the 1967 territories with East Jerusalem as its capital – what is the basis for the continued push towards this solution? It can only be that a variation that suits Israel better is the real plan. This would allow for Israel to keep Area C, 62 percent of the West Bank, as repeatedly advocated by Israel’s trade minister, Naftalie Bennett, leaving a Palestinian “state” of West Bank enclaves separated by Israeli-held territory, to which Gaza might possibly be connected.

Since these West Bank enclaves could not be viable on their own, their economic and social ties and their access to the outside world would be with Jordan. Gaza’s extension would be towards Egypt, as Israel has always wanted, and Jerusalem would remain under Israel’s total control. Many reports have quoted such ideas, vigorously repudiated by Jordan and Egypt. But one must assume that the US is pushing for a way to appease Israel and yet offer the Palestinians something, hoping thereby to wrap up the Palestine issue for good. No other land permutation is possible if Israeli settlements remain and no pressure is applied to make Israel remove them.

The fear many Palestinian have is that their leadership, currently unelected and unrepresentative, and they suspect only wishes to stay in power whatever the cost to the national cause, might agree to a version of such a plan whatever their patriotic utterances. In such circumstances, Palestinians must realise that time is not on their side and doing nothing in the face of these plots is not an option for them. The present situation could not be better for Israel and its allies: a docile Palestinian leadership which creates an illusion of equivalence between occupier and occupied, relieving Israel of its legal responsibilities as an occupying power; an endless peace process that gives cover for Israel’s colonisation; international inaction; and a fragmented Palestinian people unable to resist. They are the big losers in this arrangement, and they must be the ones to bring it down. What should they do?

An apartheid state

Israel/Palestine is today one state. But it is an apartheid state which discriminates against non-Jews in favour of Jews. The Palestinian task now is to fight against this apartheid and mount a struggle, not for an impossible Palestinian state, but for equal rights under Israeli rule. They would need to dismantle the Palestinian Authority, which is now a liability that only camouflages the true situation, and then confront Israel, their actual ruler, directly. As stateless people under military occupation, they must demand equal civil and political rights with Israeli citizens, and apply for Israeli citizenship if necessary. That puts the onus on Israel to respond: either to ignore the five million Palestinians it rules, or vacate their land, or grant them equal rights.

Israel will reject all of these, but whatever it does will be against its own interests. And Palestinians at one stroke will have broken up Israel’s hegemonic hold on the political discourse and changed the rules of the lethal game being played against them.

This strategy will not be popular amongst Palestinians, nor will they want to become second-class Israeli citizens. But are their lives now under occupation any better? And is there another option given the present conditions? I would argue that by adopting this plan, they will lose nothing but their illusions, and at this serious juncture in Palestinian history, it may be the only way to avert the annihilation of their cause. It will be a hard road, but the one chance to build a democratic state that replaces apartheid Israel and eventually enables the refugees to return to their ancestral homeland.

Dr Ghada Karmi is the author of  Married to Another Man: Israel’s Dilemma in Palestine.

I palestinesi devono lasciar perdere l’illusione dell’attuale processo di pace e premere almeno per diritti equi.

di Ghada Karmi

C’era una volta, la Palestina era la causa unificante del mondo arabo. Giustizia per i palestinesi era considerato un prerequisito fondamentale per la stabilità e la pace della regione, ed era un’idea che aveva avuto una risonanza mondiale. Oggi il quadro è diverso e la causa palestinese è caduta dall’agenda politica fin dall’inizio della primavera araba, il conflitto siriano e il successo di Israele nel mettere il programma del nucleare iraniano al centro della scena.

Questo mese, uno studio del Centro Arabo per la Ricerca e gli Studi di Politica conferma questo tracollo. Un sondaggio di oltre 20.000 intervistati in 14 paesi arabi ha rivelato un impegno diffuso non con la Palestina, ma con le rivoluzioni arabe e il loro futuro, con la Siria e la necessità di sistemi democratici di governo. Solo un terzo ha citato Israele come la più grande minaccia regionale, circa la stessa percentuale dell’Iran per coloro che vivono in Iraq e nel Golfo. 

Questo cambiamento giunge al colmo di una graduale perdita di unità tra i palestinesi dovuta alla frammentazione della società palestinese in quelli che sono sotto occupazione, divisi tra West Bank, Gaza e Gerusalemme, quelli che stanno in Israele, nei campi profughi e il resto in esilio. Ne è risultata una sempre maggiore sostituzione di obiettivi locali a quello nazionale. Ad esempio nel mese di novembre 2012, e di nuovo la settimana scorsa, nella West Bank sono scoppiate manifestazioni contro i sacrifici economici. L’Autorità Palestinese ha un debito di 4,2 miliardi di dollari e un rapporto di marzo della Banca Mondiale ha constatato un rallentamento dell’economia, con un basso livello delle esportazioni e una disoccupazione di lunga durata; Gaza è isolata e assediata e sopravvive in gran parte grazie a un’economia di contrabbando attraverso i tunnel. In tali circostanze, non sorprende che in cima alle priorità della gente ci debba essere come sfamare le proprie famiglie e che, altrove, le comunità palestinesi abbiano parimenti sviluppato le loro particolari priorità locali. 

Sarà necessario che i palestinesi passino urgentemente all’azione se non vogliono che la loro causa non sia sepolta definitivamente. Il fatto che l’Occidente sia ancora impegnato nel tentativo di risolvere il conflitto israelo-palestinese non è un motivo di ottimismo. Esso non significa un rilancio della centralità della causa palestinese, ma una spinta per porre fine al conflitto a condizioni più favorevoli per Israele. Gli Stati Uniti e l’Europa, con la recente aggiunta della Cina, stanno facendo pressione per una ripresa dei colloqui di pace tra Israele e i palestinesi. A tale scopo, il Segretario di Stato degli Stati Uniti, John Kerry, ha visitato la regione una mezza dozzina di volte e ha promesso 4 miliardi di dollari per incoraggiare l’AP. In aprile, una delegazione araba si è recata a Washington per presentare un piano di pace arabo riveduto che offriva a Israele uno scambio di territori con i palestinesi, nella speranza di coinvolgerlo nei colloqui di pace. Più di recente, la Svezia, allo stesso fine, ha deciso di punire i palestinesi per il fallimento dei negoziati con Israele riducendo forse il sostegno loro concesso di 200 milioni di corone (30 milioni di dollari). 

Ciò per cui queste parti fanno pressione è la soluzione a due Stati che per decenni ha dominato il dibattito politico e non è mai stata realizzata, neppure parzialmente. Tuttavia, l’opinione internazionale ritiene che questa soluzione rappresenti ancora l’unica strada percorribile. Eppure, uno sguardo alla mappa mostrerebbe che non è possibile. 

Attualmente, nella West Bank e a Gerusalemme Est ci sono circa 500.000 coloni ebrei che vivono in più di 130 insediamenti sparsi dappertutto in queste aree. A Gerusalemme, molti gruppi di coloni si sono infiltrati nella Città Vecchia e nei quartieri arabi rimasti non ancora occupati da Israele. Per giugno, sono in progetto un altro migliaio di abitazioni per coloni. Gaza, parte essenziale per un qualsiasi futuro Stato palestinese, è assediata e separata dalla West Bank ed è retta da un governo di Hamas, scisso da un’AP dominata nella West Bank da Fatah ed è probabile che resti così. 

Improbabile soluzione a due Stati

Dal momento che la realtà sul terreno preclude una soluzione a due Stati, come previsto dal piano di pace arabo, uno Stato palestinese sui territori del 1967 con Gerusalemme Est come sua capitale – qual è il fondamento per continuare a spingere per questa soluzione? Può essere solo che il piano reale sia una variazione che meglio si faccia il gioco di Israele. Questo gli permetterebbe di mantenere l’Area C, il 62 % della West Bank, come più volte auspicato dal ministro del commercio di Israele, Naftalie Bennett, lasciando uno “Stato” palestinese di enclave nella West Bank, separate dal territorio preso dagli israeliani, al quale Gaza potrebbe essere forse connessa. 

Dal momento che queste enclave nella West Bank non potrebbero sopravvivere per conto proprio, i loro legami economici e sociali e il loro accesso al mondo esterno sarebbero con la Giordania. Lo sviluppo di Gaza sarebbe verso l’Egitto, come Israele ha sempre voluto, e Gerusalemme rimarrebbe sotto il controllo totale di Israele. Molti rapporti hanno fatto riferimento a idee di questo genere, respinte con vigore dalla Giordania e dall’Egitto. Ma si deve presumere che gli Stati Uniti premano per una soluzione che tranquillizzi Israele e offra tuttavia qualcosa ai palestinesi, sperando così di concludere una volta per tutte la questione palestinese. Nessun altro scambio di territori è possibile se le colonie israeliane restano e non viene esercitata alcuna pressione per costringere Israele a rimuoverle. 

La paura che hanno molti palestinesi è che la loro leadership, attualmente non eletta e non rappresentativa, e che sospettano desideri soltanto rimanere al potere qualsiasi sia il costo per la causa nazionale, potrebbe acconsentire a una versione di tal genere del piano qualunque sia la sua enunciazione patriottica. In tali circostanze, i palestinesi devono rendersi conto che il tempo non è dalla loro parte e il non far nulla di fronte a queste trame non è per loro un’alternativa possibile. La situazione attuale non potrebbe essere migliore per Israele e i suoi alleati: una leadership palestinese docile, che crea l’illusione di equivalenza tra occupante e occupato, solleva Israele dalle sue responsabilità legali come potenza occupante; un processo di pace senza fine che dà copertura alla colonizzazione israeliana; la passività internazionale; e un popolo palestinese frammentato incapace di resistere. In questo assetto, esso è il grande perdente e deve essere quello che lo fa cadere. Che cosa dovrebbe fare? 

Uno stato di apartheid  

Israele/Palestina oggi è uno Stato. Ma uno Stato di apartheid che discrimina i non ebrei a favore degli ebrei. Ora, il compito palestinese è quello di combattere contro questo apartheid e promuovere una lotta, non per uno Stato palestinese impossibile, ma per uguali diritti sotto il governo israeliano. Sarebbe necessario smantellare l’Autorità Palestinese, che al momento è solo un ostacolo che maschera la situazione vera, e poi confrontarsi direttamente con Israele, il suo attuale governante. In quanto popolo apolide sotto occupazione militare, deve esigere una parità di diritti civili e politici con i cittadini israeliani e, se necessario, fare richiesta della cittadinanza israeliana. Ciò mette Israele nell’obbligo di rispondere: o ignorare i cinque milioni di palestinesi che governa, o lasciare libera la loro terra, o garantire loro uguaglianza di diritti. 

Israele respingerà tutte e tre le opzioni, ma qualsiasi cosa farà sarà contro il suo interesse. E, con un sol colpo, i palestinesi avranno spezzato il dominio egemonico di Israele sul dibattito politico e cambiate le regole del gioco funesto che viene giocato contro di loro. 

Questa strategia non sarà popolare tra i palestinesi, né vorranno diventare cittadini israeliani di seconda classe, ma la loro vita sotto occupazione è forse migliore? E date le attuali condizioni, ci sono altre alternative? Direi che con l’adozione di questo piano, non perderanno nulla se non le loro illusioni, e in questo grave frangente della storia palestinese può essere l’unico modo per evitare l’annichilamento della loro causa. Sarà una strada difficile, ma la sola occasione per costruire uno Stato democratico che si sostituisca all’Israele dell’apartheid e renda, infine, possibile il ritorno dei profughi nella loro patria ancestrale. 

Ghada Karmi è autrice del libro “Sposata con un altro uomo: il dilemma di Israele in Palestina”

thanks to:

Mariano Mingarelli (traduzione)

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.