Second interview with Ilan Pappé: “The basic Israeli ideology – Zionism – is the problem” e traduzione in italiano

11th July 2013 | International Solidarity Movement | Haifa

Ilan Pappé is an Israeli academic and activist. He is currently a professor at the University of Exeter (UK) and is well known for being one of the Israeli “new historians” – re-writing the Zionist narrative of the Palestinian Israeli situation. He has publicly spoken out against Israel’s policies of ethnic cleansing of Palestine and condemned the Israeli occupation and apartheid regime. He has also supported the Boycott, Divestments and Sanctions (BDS) campaign, calling for the international community to take action against Israel’s Zionist policies.

Activists from the International Solidarity Movement had the opportunity to talk to Professor Pappé about the ethnic cleansing of Palestine, Israeli politics and society and the role of the international community and solidarity activists in Palestine, resulting in a three part series of interviews which will be released on the ISM website in the coming weeks.

This is the second section; Israeli politics and society. Find part one on the ethnic cleansing of Palestine here.

International Solidarity Movement: We were following the last Israeli elections and we were surprised to see that there was no actual talk about Palestine, it was all basically about internal issues. Then after the elections, Netanyahu commented about extending the settlements. What do you think about this?

Ilan Pappé: Your observation is correct. Israeli voters think that the problem of the West Bank has been solved, so they think there is no need to either talk about it, or come up with solutions. You propose a solution as an idea for an election only if you think there is a problem, which they think is not the case here. They think that what we have is good for Palestinians and good for Israelis. They think that the world is stupidly trying to create a problem that is not there, and is trying to be involved where there is no need to be. They think that even if there are still missiles coming from Gaza, Israel has a strong army that will answer back. So, if you speak with Israelis in the subway, they will tell you that there is not a problem between Israel and Palestine.

The only thing that makes Israelis think about Palestine is when the boycott campaign is successful, like what happened recently with Stephen Hawking. Do you know what the problem is? 95% of Israelis don’t even want to go to the West Bank, so they don’t know what is really happening. Or they know what is happening only from their children who are serving as soldiers. But their children don’t tell them about the checkpoints, the arrests from homes and all the other awful things. Israelis could know if they wanted to – they have the internet – but they don’t want to. For example in Tivon, my neighbourhood, everybody votes for the left, but if you ask them if they have ever seen a checkpoint or the apartheid wall, or if any one of them wants to go to the West Bank and see what the soldiers and settlers are doing, they will say no. They’ll tell you that’s not their problem. They have other problems – standard of living, house prices, the new car, the education of their children etc.

ISM: Yair Lapid, the head of the Ministry of Finance of the new coalition government, stated on 20th May that Israel is not going to stop the colonization of the West Bank or end subsidies for illegal settlers, which in fact will not only continue but increase. Do you think that any switch of parties in power could truly make an impact on this situation?

Hallamish settlement, built on Nabi Saleh's land (Photo by ISM)

Halamish settlement, built on Nabi Saleh’s land (Photo by ISM)

IP: No. We haven’t had any party or leader different from the others, including Rabin, who became a hero after he was shot. Israelis like Lapid are always busy implementing policies so that the land has no Palestinians – so in this sense Lapid is just continuing what everyone before him was doing. The problem they have is not technical – they know how to do it, they have a script. They do not build new settlements, but they allow the natural growth of the current settlements, while Palestinians are not allowed natural growth. Then they say they’re not building a new settlement, but need to build a new neighbourhood because the settlement population has grown. So you can see from this that they do not have any technical problem, it’s more that they maintain this funny dialogue with the world: “You know that we are colonizing, you know that we are ethnically cleansing the Palestinians, you know that we are keeping them in prison, but still we are playing this game where we are speaking about a peace process.”

The only problem that Israel has – although within 10 years I unfortunately don’t believe it will be a problem anymore, unless we change something – is that they still think that what they’re doing will never be accepted by the world, so they think they need to find a new language for what they’re doing. But practically on the ground I don’t think there has been one day since 1967 that something was not built by the Israelis in the West Bank, whether it’s a house or a flat or a road or a balcony, it goes on and it will continue.

Israel knows that the EU and the USA will not stop supporting them, and they’re right. So they will talk about stopping colonization, but they will not actually stop it. This is something to worry about because that’s the reality. Lapid comes from the new generation of politicians and I think that when you are new in politics you say a bit more openly what you are doing. Then, like Silvio Berlusconi, when you have another term, you stop saying what you are actually doing. So, if Lapid were to become Prime Minister, he would stop saying what he’s doing, he’d say, “we are not building, we are just fabricating.”

Today, there is no hope for a change from within the Israeli political system. This system is just going to get more and more right wing, and less and less willing to change Israel’s unilateral policies.

ISM: There is this new far-right party “The Jewish Home” that just entered the government following the recent elections, with leader Naftali Bennet, who became Minister of Religious Services and Industry, Trade and Labour. What kind of change will that bring?

IP: He is a very clever man, he comes from a settlement, and his main agenda is to strengthen the connection between the settlements and Israel. This was not openly his agenda during the elections. At that time he was talking to young Israelis in Tel Aviv about how nice it is to be Israeli, and saying that he would bring back pride in being Israeli – and it actually worked, they liked him. It was all about this idea of the ‘great nation’. And he added Judaism to this – saying it is not just good to be Israeli, but to be a Jewish Israeli. He is young, he was in the army, he was a military hero and a successful businessman. But he is not so different from Lapid, they live the same way – “it doesn’t matter whether you are from a settlement or from Tel Aviv, we are all from Israel”.

ISM: Do you think that the settlers will have more impact on Israeli politics because of Bennet’s success?

IP: Yes, I think so, but this is not so important. It doesn’t matter if you are from a settlement or from Tel Aviv, or if you are on the right or on the left. The basic Israeli ideology – Zionism – is the problem. I think that as long as Zionism is regarded as an ideal concept, the same policies will continue. If Israel has a more right-wing government – for example Netanyahu’s government compared to the Barak government – then the differences are small. You just have a few more checkpoints and a bit more brutality. But I think in the end it’s really just the same. What matters is not the government of Israel, but how much the Palestinians are willing to accept. If they are willing to accept the current reality, then Israel will allow them to work within Israel, remove some of the checkpoints, give them some more autonomy. But the moment Palestinians show some form of resistance, Israel is going to repress them brutally. Everything is about how much Palestinians accept the Israeli diktat.

ISM: You previously said that there is no more hope for a change at the political level in Israel. But on the other side, in what way do you view today’s Israeli citizens’ commitment against the occupation? How important is it that the present and future Israeli society challenges this form of colonization?

IP: I think that the forces that oppose the occupation are very small, but there have been two positive developments. First of all, the rejection of the occupation is growing and secondly, it is led by the new generation, not like before. This is an essential element. But, pressure from the international community and the Palestinian resistance will be the main factors that will bring down the occupation. One day, when we will need to rebuild a new society, it will be much better to know that there were many Jewish people who were fighting against the occupation. When the occupation ends and takes its apartheid with it, I am sure that a lot of Jewish people will say that they were against it, like the white South Africans said at the end of their apartheid system, but everybody knows that it was not the case during that period. It is good to see that this wave is growing every day. Nonetheless, a lot of Israelis, they still don’t know that there is a military occupation! For the future it is essential that this view changes, and it is changing.

Israeli activists protesting the Gaza massacre in 2008-2009 (Photo by Activestills)

Israeli activists protesting the Gaza massacre in 2008-2009 (Photo by Activestills)

ISM: Young Israeli people often feel criticized when they travel abroad. Do you think that this criticism has an impact or influence on Israeli society?

IP: Yes, I think it’s good to criticize young Israelis abroad. Some of them have actually changed because of that, no doubt about it. There’s a wonderful YouTube clip which shows what happens to young Israelis abroad. The Israeli military used to show this clip about young Israelis going abroad, to India. It was a clip especially against the refuseniks – people who refuse to serve in the army. In the clip they’re all sitting with young nice Indian girls, then some young Europeans come along and ask the Israelis what they did in the army. One speaks about the time he was a commander and about how cool it was to be in the army, and the Europeans look at him amazed, like he’s a hero. Meanwhile, the refusenik seems ashamed, looking down, without saying anything, basically really uncomfortable because he didn’t serve in the army. So this Israeli anti-apartheid organization made a counter-video, with the same setting, but instead of being soldiers they were Israeli activists, and the ashamed person was the one who served in the army, he was the one feeling really uncomfortable.

Now in 2013, some young people do not buy the whole story of anti-Semitism. They meet people abroad of the same age who know about the occupation, and where older people might just say that the people are neo-Nazis or something, young people are more likely to see the difference between being against the occupation and being anti-Semitic. This is an important new development, which I have seen with my own eyes.

ISM: What are the long term effects, social and psychological, on Israeli youth because of military conscription?

IP: Military conscription frames your mind. It makes you see human beings through a rifle and therefore you dehumanize them. It makes you very insensitive to suffering of others and at the same time makes you very racist. It also makes you limited in the way you can think about new options in life, because power obscures your mind. In any kind of situation you will think that the only way out from a state of affairs is the use of force. This has very negative effects on Israeli youth and it is clearly just part of the heavy indoctrination they face throughout life.

Young Israelis do not often speak about the psychological problems that come afterwards. I went to the psychiatric department in Israel and the vast majority of people are young Israelis who served in the army. This is a secret in Israel, nobody talks about it.  Two days ago a young boy who just finished his military service went into a bank that refused to give him a loan. He ended up shooting four people to death. This is just one example of the impact and effects of military conscription and militarization on the Israeli society.

Israeli young female on the Israeli military service uniform

ISM: How does it feel to live in Israel and at the same time be against the state? What are the consequences?

IP: It’s a fact that there are not many cases like mine and I pay a price for my position. So far, people like me pay a price not in the sense that the government is chasing them, it is different from other countries. Israel is such a racist state that it won’t do that to Jewish people. What they do instead, is to encourage society to punish you. The fact that I had to leave Haifa University is the result of this. They aim at the place where you work. For example, we had 4 brave former pilots that refused to serve in occupied Palestine because of what Israel was doing there – they were forced to leave their jobs outside of the military.

So, the public sphere or even your family or your friends make you pay a price, because you are considered a traitor. The reward you get is that you feel better about yourself and when you go abroad, people respect you. This, I hope, will encourage people to pay the price. If the Palestinians did what some Israelis are doing, they would just find themselves in jail. The Jewish people will maybe lose their job, be insulted, be hated by their neighbours, students. It is a long but really important process.

ISM: How did they kick you out from Haifa University?

IP: What they did is something called a special university court. They wanted to judge me as a traitor and kick me out of the university. This resulted in an international outrage because luckily, I was already well known at this time in the academic world, so they couldn’t go through the court process. What they did instead was to make it impossible for me to teach: they stopped my teaching allowances, they persecuted my PhD students, they gave me small classes, they told everyone at the university not to sit with me, not to speak to me. It was the director who gave the “orders”. He told to the other teachers that they would put their own career at risk if they violated these rules. They never formally fired me but I decided that that was enough, so I left.

Today there are many similar cases throughout Israel but speaking out against Israeli policies as an academic has now become more difficult than before, since in 2012 a new law was passed in the Knesset. This law says that if you are an Israeli academic and you support openly the academic boycott of Israel or you speak against Israel’s policies and actions, they have to fire you or you could even be arrested. After all, a large number of Israeli academics against the occupation created the “Israeli Academic Committee for Boycott”. These people are suffering and will never be able to become professors or further their academic careers – but more importantly I think that they feel better than the others. After this draconian law was passed, even more people decided to speak openly against the Israeli occupation or apartheid and for now, nobody has actually been arrested. How can Israel speak about democracy when our supposed freedom of speech is being violated so clearly.

This is the second of a three part interview series: Ilan Pappé in conversation with the International Solidarity Movement. Look out for the final part on the role of the international community and solidarity activism next week.

Intervista dell’ISM a Ilan Pappè – seconda parte –

L’ideologia alla base di Israele, il sionismo, è il problema

Fonte: palsolidarity,   trad. Ass. Zaatar

Abbiamo seguito le ultime elezioni israeliane e siamo rimasti sorpresi nel vedere che non si è parlato, in realtà, di Palestina, era tutto fondamentalmente incentrato sui problemi interni. Poi, dopo le elezioni, Netanyahu ha parlato di estendere gli insediamenti. Cosa ne pensa di tutto ciò?

Le vostre osservazioni sono corrette. Gli elettori israeliani pensano che il problema della Cisgiordania sia stato risolto, così credono che non ci sia più bisogno di parlarne, né di trovare soluzioni. Viene proposta una soluzione come idea per le elezioni solo se si ritiene che il problema esista, ma questo non è il loro caso. Pensano che quello che abbiamo sia un bene sia per i palestinesi che per gli israeliani. Pensano che il mondo stia stupidamente cercando di creare un problema che non esiste, e si sta occupando di cose in cui non c’è bisogno di nulla. Pensano che, anche se ci sono ancora missili provenienti da Gaza, Israele ha un esercito forte che risponderà. Quindi, se parlate con gli israeliani in metropolitana, vi diranno che non c’è alcun problema tra Israele e Palestina.

L’unica cosa che fa pensare agli israeliani alla Palestina è quando la campagna di boicottaggio ha successo, come quanto è successo di recente con Stephen Hawking. Sapete qual è il problema? Il 95% degli israeliani non vuole nemmeno andare in Cisgiordania, così da non sapere cosa stia realmente accadendo. Oppure vengono a conoscenza di quanto accade dai figli, che prestano servizio come militari. Ma i figli non parlano di checkpoints, di arresti nelle case e di tutte le altre terribili cose. Gli israeliani, se volessero, potrebbero sapere, hanno internet, ma loro non vogliono. Ad esempio in Tivon, il mio quartiere, tutti votano per la sinistra, ma se chiedete loro se hanno mai visto un checkpoint o il muro dell’apartheid, o se uno di loro vuole andare in Cisgiordania e vedere che cosa fanno soldati e coloni, vi diranno di no. Vi diranno che non è un loro problema. Hanno altri problemi: il tenore di vita, i costi delle case, la nuova macchina, l’istruzione dei figli, eccetera.

Yair Lapid, ministro delle Finanze del nuovo governo di coalizione, ha dichiarato il 20 maggio che Israele non ha intenzione di fermare i sussidi ai coloni degli insediamenti illegali e in generale la colonizzazione della Cisgiordania che quindi non solo continuerà, ma aumenterà. Pensa che un qualsiasi cambiamento del partito al potere possa realmente avere conseguenze su questa situazione?

No. Non abbiamo avuto alcun partito o leader che sia stato diverso dagli altri, Rabin incluso, che è diventato un eroe dopo che gli hanno sparato. Gli israeliani come Lapid sono sempre impegnati ad attuare politiche tali che non ci siano palestinesi sul terreno, in questo senso, Lapid sta solo continuando ciò che tutti hanno fatto prima di lui. Il problema che hanno non è tecnico, sanno come fare, hanno un piano. Non costruiscono nuovi insediamenti, ma permettono la crescita naturale degli insediamenti attuali, mentre ai palestinesi non è ammessa alcuna crescita naturale. Poi dicono che non stanno costruendo un nuovo insediamento, ma hanno bisogno di costruire un nuovo quartiere, perché la popolazione dell’insediamento è cresciuta. Quindi è evidente che non hanno alcun problema tecnico, ma piuttosto vogliono mantenere questo ironico dialogo con il mondo: «Sapete che stiamo colonizzando, sapete che stiamo attuando la pulizia etnica dei palestinesi, sapete che li teniamo in prigione, ma tuttavia stiamo ancora giocando al gioco del processo di pace».

L’unico problema che Israele ha – anche se credo che sfortunatamente tra 10 anni questo non sarà più un problema, a meno che non cambiamo qualcosa – è che pensano ancora che quello che stanno facendo non sarà mai accettato dal mondo, così credono di dover trovare una nuova descrizione per quello che stanno facendo. Ma praticamente, essenzialmente, non credo ci sia stato un giorno dal 1967 in cui non sia stato costruito qualcosa dagli israeliani in Cisgiordania, che si tratti di una casa, un appartamento, una strada o un balcone, continua e continuerà.

Israele sa che l’UE e gli Stati Uniti non smetteranno di sostenerli, e ha ragione. Quindi, parleranno di fermare la colonizzazione, ma non lo metteranno mai in pratica. Questo è qualcosa di cui dobbiamo preoccuparci, perché questa è la realtà. Lapid viene dalla nuova generazione di politici e credo che quando si è nuovi in politica si dica un po’ più apertamente quello che si sta facendo. Poi, come Silvio Berlusconi, quando si dispone di un altro mandato, si smette di dire ciò che si sta effettivamente facendo. Quindi, se Lapid dovesse diventare primo ministro, smetterebbe di dire quello che sta facendo, direbbe, «non stiamo costruendo, stiamo solo facendo dei lavori».

Oggi, non c’è speranza per un cambiamento che venga dall’interno del sistema politico israeliano. Questo sistema sta per tendere sempre di più verso la destra, e sarà sempre meno disposto a modificare le politiche unilaterali di Israele.

C’è questo nuovo partito di estrema destra “La casa ebraica” (Habayit Haheyhudi) che è appena entrato nel governo dopo le ultime elezioni, con il leader Naftali Bennett, che è diventato ministro delle Funzioni Religiose e dell’Industria, del Commercio e del Lavoro. Che tipo di cambiamento comporterà?

È un uomo molto intelligente, proviene da un insediamento, e il suo programma principale è quello di rafforzare il collegamento tra gli insediamenti e Israele. Questo non è stato apertamente il suo programma elettorale durante le elezioni. In quel momento parlava ai giovani israeliani di Tel Aviv di quanto sia bello essere israeliani, e diceva che avrebbe recuperato l’orgoglio nell’essere israeliano, e in effetti questo ha avuto successo, lo hanno apprezzato. È stato tutto incentrato su questa idea di “grande nazione”. E a questo, ha aggiunto l’ebraismo, dicendo che non è cosa buona solo essere israeliano, ma essere un ebreo israeliano. È giovane, era nell’esercito, è stato un eroe militare e un imprenditore di successo. Ma non è così diverso da Lapid, vivono nello stesso modo, «non importa se si è di un insediamento o di Tel Aviv, proveniamo tutti da Israele».

Pensa che i coloni avranno più impatto sulla politica israeliana grazie al successo di Bennet?

Sì, credo di sì, ma questo non è così importante. Non importa se si è di un insediamento o di Tel Aviv, o se si è di destra o di sinistra. L’ideologia israeliana di base, il sionismo è il problema. Penso che finché il sionismo sarà considerato come un concetto ideale, le stesse politiche continueranno. Se Israele ha un governo più di destra, ad esempio, il governo di Netanyahu rispetto al governo Barak, la differenza è minima. Si avranno un paio di checkpoint in più e un po’ più brutalità. Ma credo che, alla fine, sia essenzialmente lo stesso. Ciò che conta non è il governo di Israele, ma quanto i palestinesi sono disposti ad accettare. Se sono disposti ad accettare la realtà attuale, allora Israele permetterà loro di lavorare all’interno di Israele, rimuoverà alcuni checkpoint e darà loro un po’ di autonomia. Ma nel momento in cui i palestinesi mostrano una qualche forma di resistenza, Israele li reprimerà brutalmente. Tutto dipende da quanto i palestinesi accetteranno il diktat israeliano.

Ha già detto che non c’è alcuna speranza per un cambiamento a livello politico in Israele. Ma come vede l’impegno dei cittadini israeliani contro l’occupazione? Quanto è importante che la società israeliana attuale e futura affronti la colonizzazione?

Ritengo che le forze che si oppongono all’occupazione siano molto ridotte, ma ci sono stati due sviluppi positivi. Prima di tutto, il rifiuto è in crescita e in secondo luogo, è guidato dalla nuova generazione, non come prima. Questo è un elemento essenziale. Ma la pressione proveniente dalla comunità internazionale e la resistenza palestinese saranno i fattori principali che ridurranno l’occupazione. Un giorno, quando dovremo ricostruire una nuova società, sarà molto meglio sapere che ci sono stati molti ebrei che hanno combattuto contro l’occupazione. Quando l’occupazione finirà e si porterà via con sé anche l’apartheid, sono sicuro che moltissimi ebrei dichiareranno che erano contrari, come accadde con i sudafricani bianchi al termine del loro sistema di apartheid, ma tutti sanno che non era vero in quel periodo. È bello vedere che questa ondata sta crescendo ogni giorno. Tuttavia, molti israeliani, d’altro canto, non sanno che esiste ancora un’occupazione militare! Per il futuro, è essenziale che questo punto di vista cambi, e sta cambiando.

I giovani israeliani si sentono spesso criticati quando viaggiano all’estero. Crede che questa critica abbia un qualche impatto o influenza sulla società israeliana?

Sì, penso che sia buono che i giovani israeliani vengano criticati quando vanno all’estero. Alcuni di loro sono effettivamente cambiati grazie a questo, non c’è alcun dubbio. C’è un ottimo videoclip di YouTube che mostra cosa accade ai giovani israeliani all’estero. L’esercito israeliano mostrava questo video di giovani israeliani che viaggiavano all’estero, in India. Era un video contro i refusenik, le persone che si rifiutano di fare il servizio militare. Nel video sono tutti seduti con delle belle giovani ragazze indiane, poi alcuni giovani europei arrivano e chiedono agli israeliani quello che hanno fatto nell’esercito. Uno parla di quando era un comandante e di quanto fosse stato figo essere stato nell’esercito, e gli europei lo guardano ammaliati, come se fosse un eroe. Nel frattempo, il refusenik sembra vergognarsi, con gli occhi abbassati, senza dire nulla, profondamente a disagio perché non ha prestato servizio nell’esercito. Quindi, questa organizzazione israeliana anti-apartheid ha fatto un video in risposta, stessa ambientazione, ma invece di esserci soldati c’erano attivisti israeliani, e la persona che si vergogna è il militare, era lui quello che si sentiva a disagio.

Ora, nel 2013, alcuni giovani non si bevono tutta la storia dell’antisemitismo. Incontrano persone all’estero della stessa età, che conoscono l’occupazione, e se gli anziani possono solo parlare di neonazisti o qualcosa del genere, i giovani sono più aperti a distinguere tra l’essere contro l’occupazione ed essere antisemita. Questa è una novità importante, che ho visto con i miei occhi.

Quali sono gli effetti sociali e psicologici del servizio militare, a lungo termine, sui giovani israeliani?

La leva militare inquadra la mente. Ti fa vedere gli esseri umani attraverso un fucile e quindi sei portato a disumanizzarli. Ti fa diventare estremamente insensibile alla sofferenza degli altri e allo stesso tempo ti rende molto razzista. Inoltre, ti limita molto a proposito delle nuove opzioni di vita che puoi intraprendere, perché il potere offusca la tua mente. In ogni tipo di situazione penserai che l’unico modo per uscire da uno stato di confusione sia l’uso della forza. Questo ha effetti molto negativi sulla gioventù israeliana ed è chiaramente solo una parte del forte indottrinamento che devono affrontare per tutta la vita.

I giovani israeliani non parlano spesso dei problemi psicologici che vengono dopo. Sono andato al reparto psichiatrico in Israele e la stragrande maggioranza delle persone sono giovani israeliani che hanno servito nell’esercito. Questo è un segreto in Israele, nessuno ne parla. Due giorni fa un ragazzino che ha appena finito il servizio militare è andato in una banca che gli ha rifiutato un prestito. Ha finito per sparare, uccidendo quattro persone. Questo è solo un esempio degli effetti del servizio militare e della militarizzazione dell’intera società israeliana.

Come ci si sente a vivere in Israele e allo stesso tempo essere contro lo Stato? Quali sono le conseguenze?

È un dato di fatto che non ci sono molti casi come il mio e io devo pagare un caro prezzo per le mie posizioni. Finora, le persone come me pagano un prezzo non nel senso che il governo li infastidisce, è diverso da altri paesi. Israele è uno stato così razzista che non farà questo a nessun ebreo. Quello che fanno, invece, è incoraggiare la società a punirti in qualche modo. Il fatto che abbia dovuto lasciare l’università di Haifa è stato il risultato. Puntano al luogo di lavoro. Per esempio, c’erano 4 coraggiosi ex piloti che si sono rifiutati di servire nella Palestina occupata a causa di ciò che Israele stava facendo lì, sono stati costretti a lasciare il loro posto di lavoro al di fuori dell’esercito.

Pertanto, la sfera pubblica o anche la tua stessa famiglia o i tuoi amici ti fanno pagare un caro prezzo, perché vieni considerato un traditore. La ricompensa che ottieni è che ti senti meglio con te stesso e quando sei all’estero la gente ti rispetta. Questo, spero, incoraggerà la gente a pagare il prezzo. Se i palestinesi facessero ciò che alcuni israeliani stanno facendo, si troverebbero in carcere. Il popolo ebraico potrà forse perdere il lavoro, sentirsi offeso, essere odiato dai propri vicini, dagli studenti. Si tratta di un processo lungo, ma molto importante.

Come hanno fatto a cacciarla dall’Università di Haifa?

Quello che hanno fatto è stata una cosa chiamata tribunale speciale universitario. Volevano giudicarmi come traditore e buttarmi fuori dall’università. Ciò è risultato in un oltraggio internazionale perché per fortuna, a quel tempo ero già conosciuto nel mondo accademico, così non hanno potuto continuare con il processo. Allora, invece, mi hanno messo nella condizione di non poter insegnare: hanno abolito i miei permessi dall’insegnamento, hanno molestato i miei studenti di dottorato, mi hanno dato piccoli corsi, hanno detto a tutti all’università di non sedersi con me, di non parlare con me. È stato il rettore a dare gli “ordini”. Ha detto agli altri insegnanti che avrebbero messo la propria carriera a rischio se avessero violato queste regole. Non mi hanno mai licenziato formalmente, ma per me questo era troppo, così ho lasciato.

Oggi ci sono molti casi simili al mio in tutta Israele, ma parlare contro le politiche israeliane da accademico oggi, è diventato più difficile di prima, dal momento che nel 2012 una nuova legge è stata approvata dalla Knesset, il parlamento. Questa legge dice che se sei un accademico israeliano e sostieni apertamente il boicottaggio accademico di Israele o parli contro le politiche e le azioni di Israele, devono licenziarti o potresti addirittura venire arrestato. Dopo tutto, un gran numero di accademici israeliani contro l’occupazione, ha creato il “Comitato Accademico Israeliano per il Boicottaggio”. Queste persone ne pagano le conseguenze e non potranno mai diventare professori o proseguire la loro carriera accademica però, più importante, penso che si sentano meglio degli altri. Dopo che questa legge draconiana è stata approvata, sempre più persone hanno deciso di parlare apertamente contro l’occupazione israeliana e l’apartheid e, per ora, nessuno è stato effettivamente arrestato. Come può Israele parlare di democrazia quando la nostra presunta libertà di parola è violata in maniera così ovvia.

Ilan Pappè è un accademico e attivista israeliano. È docente all’Università di Exeter (UK) ed è ben noto per essere uno dei “Nuovi Storici” israeliani, che riscrivono la narrazione sionista della situazione israelo-palestinese. Ha più volte pubblicamente accusato e condannato le politiche israeliane di pulizia etnica della Palestina e l’occupazione israeliana, nonché il regime di apartheid. Ha anche sostenuto la campagna di boicottaggio Boycott, Divestments and Sanctions (BDS), richiamando la comunità internazionale affinché si mobiliti contro le politiche sioniste israeliane.

Attivisti dell’ISM hanno avuto l’opportunità di discutere con il professor Pappè della pulizia etnica della Palestina, delle politiche e della società israeliana e del ruolo della comunità internazionale e degli attivisti in Palestina; è risultata un’intervista in tre parti, che verranno pubblicate sul sito dell’ISM nelle prossime settimane.

Questa è la seconda parte, sulla politica e la società israeliana.

La prossima settimana verrà pubblicata la terza parte dell’intervista, sul ruolo della comunità internazionale e dell’attivismo di solidarietà.

Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.