Dalla Solidarietà alla Lotta Internazionalista – A fianco della Resistenza palestinese – Secondo Convegno Nazionale – Firenze

La resistenza del popolo palestinese vive un singolare e complesso momento storico, schiacciata da una parte dalle politiche aggressive e razziste (a livello politico, sociale ed economico) della colonizzazione sionista e dall’altra dalla polarizzazione politica e sociale tra Hamas e Fatah. Tale divisione contribuisce anch’essa all’indebolimento della lotta dei palestinesi e rappresenta una minaccia per l’unità del popolo nella lotta di liberazione e per il rispetto dei suoi diritti.

Da un altro punto di vista, tuttavia, il duopolio Hamas-Fatah sta entrando in crisi e le loro scelte hanno spinto il popolo palestinese e i suoi diritti in un pericoloso angolo: mentre Hamas vive una crisi generata dalla scelta dell’Islam politico e dal suo tracollo in Egitto e Siria, Fatah è in crisi per il fallimento del progetto politico di Oslo e per i suoi legami con l’America, ma anche per la strategia economica neoliberista adottata e per le condizioni imposte dalla Banca Mondiale.

All’interno di questo contesto esiste e resiste la sinistra palestinese, che negli ultimi vent’anni ha avuto un ruolo marginale, anche a causa di alcune sue scelte e decisioni (inserite nel contesto di una più generale crisi globale della sinistra) ma che oggi ha il dovere di diventare un’alternativa e di presentare una nuova strategia.

Questo può accadere solo con il sostegno della solidarietà internazionalista, che ha il dovere di non lasciare soli, come troppo spesso ha fatto, i comitati popolari, i prigionieri, i profughi e tutti i palestinesi che stanno lottando per il superamento Hamas-Fatah, vedendo in questo un gradino essenziale per la liberazione del loro popolo.

Anche in Italia c’è stata la necessità di aprire un confronto tra le varie realtà che lavorano a sostegno della resistenza palestinese, nel tentativo di creare un percorso, da più parti prospettato, con l’obiettivo di costruire in maniera chiara e netta una rete di condivisione dell’analisi politica e degli obiettivi nonché una piattaforma di solidarietà, lotta e resistenza.

Per questo è stato organizzato a Milano, l’8 giugno scorso, un convegno dal titolo “dalla Solidarietà alla Lotta Internazionalista – al fianco della Resistenza palestinese”, un primo incontro in cui tutti i partecipanti hanno manifestato l’interesse per un coinvolgimento attivo nella costruzione di tale percorso. Durante il dibattito in cui le realtà si sono confrontate, si è discusso degli argomenti proposti dall’invito e sono state approvate due mozioni.

Tale percorso vuole proseguire con un secondo incontro focalizzato su aspetti più organizzativi, anche in vista di una manifestazione nazionale in cui ribadire i concetti chiave emersi dal primo incontro:

  • No al progetto sionista di pulizia etnica della Palestina;

  • Unità del popolo palestinese nella lotta contro la colonizzazione sionista;

  • Rigetto degli accordi di Oslo;

  • Sostegno al BDS, sostegno alla Resistenza ed alle lotte dei prigionieri;

  • Interruzione dei rapporti commerciali ed economici, politici e militari, nonché culturali tra l’Italia e lo stato d’Israele.

In vista dell’incontro tra le istituzioni italiane e quelle israeliane per favorire nuove forme di cooperazione che si terrà a Torino il 2 dicembre, si proporrà all’assemblea di organizzare la manifestazione nazionale nel capoluogo piemontese il 30 novembre, per chiedere la sospensione di ogni relazione con Israele finché non rispetterà i diritti dei palestinesi e per denunciare chiunque collabori con l’oppressore, favorendo la colonizzazione e l’apartheid in Palestina

I compagni e le compagne del Cantiere Sociale Camilo Cienfuegos, che hanno aderito al convegno, vi invitano sabato 7 settembre a Campi Bisenzio (FI), in via Chiella 4, per ospitare il secondo incontro nazionale.

L’incontro prevede una prima parte tra le 10.30 e le 12.30 in cui, riprendendo alcuni punti del convegno precedente, ci si aggiornerà rispetto agli ultimi eventi. Seguiranno la pausa pranzo (chiunque volesse mangiare al Cantiere deve mandare una mail a info [at] k100fuegos [dot] org oppure chiamare il 329.2451019) e una seconda parte più organizzativa che si svolgerà dalle 14.30 alle 18.30.

Invitiamo tutte le realtà affinché inizino a lavorare fin d’ora per coinvolgere più adesioni possibili per questo incontro e per la manifestazione nazionale.

Gli impegni assunti dal convegno, se da una parte indicano la necessità di chiudere una lunga fase di difficoltà nell’individuare e praticare un terreno comune di lavoro, dall’altra rappresentano la scelta di ripartire per una nuova stagione nella quale il sostegno alla resistenza del popolo palestinese possa acquisire nuovo vigore, e contrastare quella “solidarietà” fine a se stessa che allude alla liberazione attraverso le trattative.

Noi partiamo dal dato di fatto che Israele non permetterà uno stato palestinese.

Un caro saluto,
Rete di Solidarietà con la Palestina – Milano
 

Info: info [at] k100fuegos [dot] org – coordinamento [dot] palestina [dot] milano [at] gmail [dot] com
Report del primo convegno

thanks to:

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.