Lo sai da dove vengono questi datteri? Campagna BDS contro i datteri israeliani

In vista del Ramadan in alcune città italiane sono comparsi sugli scaffali di alcuni negozi datteri di provenienza israeliana.

Segnala la presenza di datteri israeliani nei negozi della vostra città comunicando dettagli sul punto vendita e sull’etichetta del prodotto all’indirizzo mail: stop_agrexco@gmail.com

Organizza azioni di informazione e di sensibilizzazione nella vostra città per chiedere:

– ai consumatori di non comprare i datteri o altre merci israeliane e di chiedere ai negozianti, supermercati e fruttivendoli di non commercializzarli;

– ai negozianti e rivenditori di non vendere datteri o altri prodotti israeliani.

È disponibile un volantino scaricabile in versione pdf. Se volete modificarlo o adattarlo, potete utilizzare il testo sul sito web.

VOLANTINO:

Lo sai da dove vengono questi datteri?

28 Giugno 2013

I datteri medjoul israeliani sono frutto di un regime di occupazione, oppressione e Apartheid. Sono coltivati nelle colonie israeliane nei Territori palestinesi occupati, sfruttando le risorse naturali e la manodopera palestinese, anche minorile, e sono esportati in Italia da aziende israeliane che ne traggono profitti. 

Nel 2005, la società civile palestinese, comprese le associazioni agricole, ha lanciato una campagna per il Boicottaggio, Disinvestimento e Sanzioni (BDS) contro Israele fino a quando non rispetterà il diritto internazionale e i diritti umani. Boicottare i prodotti israeliani vuol dire sostenere i palestinesi nella loro lotta per la libertà, la giustizia e l’uguaglianza.

Questo Ramadan, e tutti i giorni, BOICOTTA I DATTERI ISRAELIANI

Perché non si dovrebbero comprare i datteri israeliani?

La maggior parte dei datteri israeliani sono coltivati nelle colonie israeliane nei Territori palestinesi occupati su terre rubate ai legittimi proprietari palestinesi. Circa la metà delle colonie israeliane coltiva datteri, creando un reddito importante che contribuisce a mantenere e sviluppare la colonizzazione israeliana della Palestina.

Le colonie sono illegali secondo il diritto internazionale e sono parte integrante del processo in corso di colonizzazione e distruzione ambientale della terra e dell’agricoltura palestinese, del furto dell’acqua e dell’abuso dei diritti dei lavoratori palestinesi, tra cui vi sono anche minorenni.

Come si riconoscono i datteri israeliani?

I datteri israeliani sono di solito della varietà medjoul, nota anche come jumbo. Sono più grandi, più scuri e più costosi rispetto agli altri. Israele è il più importante produttore di datteri medjoul, e l’80% della sua produzione viene esportato in Europa.

Sulla confezione di solito c’è scritto “Made in Israel” o “Made in Jordan Valley”. Se la provenienza non è chiara, chiedi al negoziante.

Le principali imprese esportatrici sono Mehadrin, Carmel-Agrexco e Hadiklaim. Alcuni dei loro marchi sono: Carmel, King Salomon, Jordan River, Jordan Plains.

Come sostenere la campagna?

Ai negozianti e rivenditori, chiediamo di non vendere datteri o altri prodotti israeliani.

Ai consumatori, chiediamo di non comprare i datteri o altre merci israeliane e di chiedere ai negozianti, supermercati e fruttivendoli di non commercializzarli.

Cerca di convincere anche parenti, colleghi e amici a non comprare i datteri e altri prodotti israeliani.

SOSTIENI IL POPOLO PALESTINESE. BOICOTTA I PRODOTTI ISRAELIANI!


Volantino a cura del Gruppo BDS Roma

Scarica il volantino in versione PDF

 

thanks to:


 

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.