Onu: migliaia di bambini fuggono dalla Siria da soli, esposti a maltrattamenti e sfruttamento

RT. Oltre 4 mila bambini sono fuggiti dalla Siria senza alcuna supervisione da parte di un adulto, ha riferito un’agenzia delle Nazioni Unite, sottolineando che i bambini, quando non sono accompagnati, sono estremamente vulnerabili a maltrattamenti e sfruttamento.

L’Unicef ha dichiarato venerdì [20 settembre 2013] che i volontari hanno identificato e registrato 4150 bambini siriani rifugiati. La portavoce Marixie Mercado ha detto che molti sono fuggiti nei paesi confinanti. “Stiamo lavorando per fornire di nuovo delle entrate alle famiglie, e vogliamo disperatamente riportare [i bambini] a scuola”.

Almeno 1698 dei bambini sono stati collocati in Libano, dove molti sono stati usati per lavori agricoli per pochi soldi. Non hanno avuto altra scelta che lavorare per avere in cambio cibo, acqua e un riparo. Molti sono anche responsabili per fratellini e sorelline, centinaia sono stati ritirati da scuola perché lavorassero per la sopravvivenza della loro famiglia.

“Dopo due anni e mezzo di guerra, le famiglie sono povere e indigenti… Spesso, per continuare a vivere qui, hanno molte spese da pagare e la conseguenza è che i bambini devono andare a lavorare”, riferisce a Reuters il direttore regionale dell’Unicef per il Mediorente e il Nord Africa, Maria Calivias.

Altri 1170 bambini, molti sotto i dieci anni, ora sono di casa in Giordania. Hanno preso rifugio nel campo di Za’atari, una dimora improvvisata per i rifugiati siriani che ha visto crescere la sua popolazione fino a 120 mila persone – facendola diventare il quarto centro della Giordania per popolazione.

“Ciascuno di questi bambini ha testimoniato o è stato vittima di livelli terribili di violenza”, ha affermato Mercado.

Il governo giordano ha annunciato giovedì [19 settembre 2013] che ha intenzione di aprire un altro campo per ospitare le migliaia di siriani, giovani e vecchi, che continuano ad attraversare il confine.

Il Libano, a differenza della Giordania, non permette gli accampamenti permanenti – in parte a causa dell’esperienza della nazione con i campi profughi di palestinesi, che durante la guerra civile in Libano tra il 1975 e il 1990 sono stati devastati dai militanti.

“Non possiamo avere tende permanenti”, ha riferito Calivis a Reuters. “Ogni sera smontiamo le tende, e ogni mattina devono essere rimesse in piedi. Immaginate questo per 365 giorni, smontare e rimontare le tende, per 300 mila rifugiati”.

L’orrore e gli spostamenti che così tanti bambini hanno sopportato sono una conseguenza della guerra civile siriana tra il governo di Bashar Assad e oltre 1000 gruppi di opposizione intenzionati a spodestarlo.

Il conflitto è iniziato oltre due anni fa, ha reclamato più di 100 mila vite, e ha recentemente visto la minaccia statunitense di dispiegare un attacco missilistico contro il governo di Assad per il suo presunto uso di armi chimiche. Molti si sono lamentati del fatto che, mentre le potenze mondiali si schierano, è stata persa di vista la difficile situazione del popolo siriano.

“Questi sono i problemi umanitari e le questioni di diritti umani che stanno davvero vorticosamente andando fuori controllo all’interno della Siria – abbiamo bisogno che i nostri leader policici affrontino anche quelli”, ha dichiarato venerdì Valerie Amos, Sottosegretario Generale per gli affari umanitari e Coordinatore degli aiuti di emergenza.

Più di un milione dei due milioni di persone che sono fuggite dalla Siria sono bambini, secondo le cifre dell’Onu.

L’alfabetizzazione è stata tradizionalmente uno degli obiettivi prioritari dell’Unicef ed è specialmente importante nella cultura siriana, come dimostrato dalla strada fatta per ricevere un’istruzione.

“Se andassimo nei luoghi interni della Siria, vedremmo, tra i bombardamenti, genitori che tengono i loro figli per mano e li accompagnano alla scuola più vicina”, ha detto Calivis. “Questo mostra quanto importante sia per loro l’educazione dei figli. L’istruzione è un passaporto per il futuro, dopo aver perso qualsiasi altra cosa”.

Ma poiché la guerra ha continuato e l’improvviso afflusso dei rifugiati ha sopraffatto le nazioni ospiti, l’istruzione è finita dietro alla sopravvivenza nella lista delle priorità.

“Integrarli nell’attuale sistema scolastico è impossibile, ma avviare nuove scuole che possano ospitare questi numeri e trovare insegnanti qualificati, fondi e attrezzature si è dimostrato estremamente difficile”, ha scritto Aziz Abu Sarah, un giornalista del National Geographic che ha viaggiato in diversi campi profughi.

“Non c’è abbastanza controllo per garantire la qualità delle scuole, e in sua assenza, idee radicali potrebbero entrare in circolo facilmente… Tra cinque anni, a causa di questa mancanza di lungimiranza, il mondo dovrà affrontare una generazione ignorante e molto probabilmente privata dei diritti civili, matura per il radicalismo”.

Traduzione di Elisa Proserpio

thanks to: Infopal

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.