La strategia della distrazione. Tante teste pochi cervelli.

Ebrei, recapitati tre pacchi con teste di maiale: uno all’ambasciata d’Israele

Ebrei: testa di maiale davanti Sinagoga, indignazione unanime

Reazioni di condanna del gesto e di vicinanza alla comunità ebraica

Roma, la Memoria oltraggiata
Teste di maiale contro gli ebrei

Ebrei: testa di maiale davanti Sinagoga, indignazione unanime

Roma, teste di maiale contro gli ebrei
in Sinagoga, all’ambasciata e a una mostra

Pacco con testa di maiale alla Sinagoga di Roma
Il sindaco: «Un insulto al giorno della Memoria»

Altra testa maiale a mostra su ebrei

 

 

In 3 anni avrebbe frodato dalle casse pubbliche 85 milioni in rimborsi illeciti

Ospedale israelitico,

Mastrapasqua sotto tiro per ricoveri inappropriati

Secondo ‘La Repubblica’, il presidente Inps sarebbe indagato dai pm di Roma per truffa ai danni dello Stato. Da una prima analisi, avrebbe contraffatto e gonfiato cartelle cliniche e fatture della struttura sanitaria privata. Il sistema sarebbe stato messo a punto per ottenere indennizzi non dovuti dalla Regione Lazio

L’attuale presidente dell’Inps, scrive La Repubblica, è stato iscritto nel registro degli indagati della Procura della Repubblica di Roma.

Dal 2005 consigliere e vice-presidente esecutivo di Equitalia e dal 2012  presidente di Idea Fimit Sgr Spa (società di gestione del risparmio specializzata in fondi di investimento immobiliare), Antonio Mastrapasqua, uno degli uomini più potenti d’Italia, è sotto inchiesta per migliaia di cartelle cliniche taroccate e fatture gonfiate all’Ospedale Israelitico, di cui è direttore generale da tredici anni.

Si tratterebbe di 85 milioni in totale: 14 milioni sarebbero rimborsi «non dovuti» ma richiesti lo stesso alla Regione Lazio. Gli altri 71 sono un presunto «ingiusto vantaggio» conseguito dal nosocomio ebraico  di San Bartolomeo all’Isola dal 2011 al 2013. E al vaglio dei magistrati c’è pure la cessione all’Inps di una parte di questo credito «non esigibile », servita a sanare i conti della struttura romana.

L’indagine è partita da una denuncia dei Nas di Roma del 16 settembre 2013, nella quale i carabinieri ricostruiscono la sospetta truffa: migliaia di semplici interventi ambulatoriali nel reparto di Odontoiatria si sono trasformati, nelle cartelle cliniche, in “operazioni invasive e con notevole carico assistenziale effettuate in ortopedia”. Nella relazione dei carabinieri si contano 12.164 cartelle cliniche falsificate.

thanks to: grr.rai

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.