Il nuovo governo italiano sostiene l’apartheid in Palestina

Nonostante le norme europee entrate in vigore dal primo gennaio che vietano la collaborazione con le colonie illegali israeliane da parte di aziende, università, enti comunitari, l’Italia continua nell’illegalità.

Il nuovo governo Renzi ha appena varato il bando per la cooperazione industriale, scientifica e tecnologica 2014 in accordo con Israele “Track Scientifico 2014” e “Track Industriale” senza tenere in minima considerazione le raccomandazioni europee.

Nonostante l’Europa abbia pesantemente condannato il regime di apartheid instaurato in Palestina dagli israeliani e obbligato tutti gli stati europei al rispetto del divieto di finanziare le colonie illegali, il nuovo bando di cooperazione non riporta alcuna menzione di tale obbligo. Il governo Renzi sembra preferire sostenere i crimini contro l’umanità che gli israeliani perpetrano ormai da decenni contro il popolo palestinese.

Ricordiamo che l’apartheid è un crimine contro l’umanità e che l’Italia ha firmato e ratificato lo statuto di Roma della corte penale internazionale che lo riconosce e lo bandisce.

One thought on “Il nuovo governo italiano sostiene l’apartheid in Palestina

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.