I MASSACRI

IL MASSACRO DEL KING DAVID HOTEL
L’esplosione in quest’albergo di Gerusalemme avvenne il 22 luglio 1946, prima della creazione dello stato d’Israele. Esso fu premeditato e portato a termine dalle bande terroristiche paramilitari ebraiche Irgun e Stern in accordo con l’Agenzia Ebraica ed il suo capo, Davide Ben Gurion. L’annuncio dell’imminente esplosione fu dato alle autorita’ mandatarie britanniche trenta minuti prima dell’imminente esplosione per cui l’albergo fu evacuato solo in parte. I morti ammontarono a 92, tra inglesi, arabi ed ebrei ed i feriti a 58. L’attentato fu un riuscito tentativo d’intimidazione contro la politica britannica di limitazione all’immigrazione ebraica in Palestina. L’albergo era usato dai britannici come quartier generale e la deflagrazione avvenne intorno a mezzogiorno, quando gli uffici erano pieni. Gli attentatori, travestiti da lattai, sistemarono l’esplosivo, trasportato in taniche di latte, negli scantinati dell’albergo e scapparono via.
 
IL MASSACRO DI YEHIDA
Il 13 dicembre del 1947, alcuni uomini del villaggio palestinese di Yehida sedevano ad un caffe’ locale, quando quattro automobili si fermarono presso di loro. Ne discesero alcuni uomini in divisa kaki, simili a militari britannici e, percio’ non destarono sospetti nei palestinesi. I terroristi travestiti da soldati britannici cominciarono a lanciare granate sui civili ed a colpirli con armi da fuoco. Sette ne morirono subito, e molti altri restarono feriti.
 
IL MASSACRO DI KHISASA
Il 18 dicembre 1947, due autoblindo di terroristi dell’Hagana compirono un raid nel villaggio palestinese di Khisasa, alla frontiera siro-libanese, durante il quale 10 civili furono uccisi da colpi d’arma da fuoco e lancio di granate.
 
IL MASSACRO DI QAZAZA
Il 19 dicembre 1947, 5 bambini palestinesi restarono uccisi durante l’incursione di terroristi sionisti nel villaggio di Mukhtar.
 
IL MASSACRO ALL’ALBERGO SEMIRAMIS
L’Agenzia Ebraica intensifico’ la campagna di terrore contro gli arabi-palestinesi, allo scopo di far fuggire le popolazioni civili dalla Palestina e da Gerusalemme. Il 5 gennaio 1948 una bomba scoppio’ all’albergo Semiramis, a Gerusalemme est, facendo 18 morti e 16 feriti palestinesi.Secondo documenti delle Nazioni Unite, il massacro fu compiuto da terroristi dell’Hagana, I quali posero bombe nel seminterrato dell’albergo e nei pressi dell’uscita.
 
IL MASSACRO DI DEIR YASSIN
Terroristi congiunti delle bande sioniste Tsel, Irgun e Hagana penetrarono nel villaggio arabo di Deir Yassin nella notte del 9 aprile 1948, con lo scopo di ottenere l’evacuazione della Palestina attraverso la minaccia del terrore. Nonostante i palestinesi combattessero per difendere le proprie case, nulla poterono contro i terroristi addestrati, equipaggiati e disposti a tutto. Dopo aver lanciato bombe incendiarie contro le case per forzare i palestinesi ad uscire, cominciarono a sparare a vista. Venticinque uomini tra I sopravvissuti furono legati e portati ad un “giro della vittoria” tra Judah Mahaina e Zakhrun Yousif, alla fine del quale furono uccisi a sangue freddo. Il giorno dopo un’unita’ dell’Hagana torno’ al villaggio per scavare una fossa comune, in cui furono gettati 250 corpi. Molte delle donne furono violentate prima di essere uccise. Alla delegazione della Croce Rossa che chiese di entrare nel villaggio per costatare il massacro, fu accordato il permesso solo due giorni dopo. Nel frattempo, i Sionisti ebbero il tempo di seppellire il grosso dei cadaveri e di cambiare le indicazioni stradali, per confondere la rappresentativa della Croce Rossa. Questa, arrivata al villaggio, vi trovo’ 150 cadaveri smembrati di uomini, donne, bambini, vecchi. Il massacro, a detta degli autori, fu fatto per instillare il terrore tra le popolazioni civili palestinesi.
 
IL MASSACRO DI NASSER ED-DIN
Il 14 aprile 1948, un contingente di Lehi ed Irgun penetro’ nel villaggio palestinese di Nasser ed-Din travestiti da feddayn palestinesi. La gente che si riverso’ in strada per salutarli, fu freddata sul posto e molte case vennero date alle fiamme. Solo 40 persone sopravvissero.
 
IL MASSACRO DI TANTURA
Teddy Katz, uno storico israeliano, sostiene che questo fu uno dei peggiori massacri compiuti dalle truppe israeliane. Il 15 maggio 1948 Tantura, un villaggio palestinese presso Haifa, che contava 1500 abitanti, fu quasi completamente raso al suolo. 200 persone furono uccise, il resto della popolazione fu scacciato dalle proprie case ed al posto del villaggio fu creato il kibbutz Nahsholim ed un parcheggio per la vicina spiaggia.
 
IL MASSACRO DI BEIT DARAS
Dopo alcuni tentativi fatti per evacuare questo villaggio, il 21 maggio 1948 I sionisti mobilizzarono un grosso contingente e circondarono Beit Daras. Le donne e i bambini che cercarono scampo fuggendo furono massacrati, mentre le case del villaggio furono date alle fiamme.
 
IL MASSACRO DELLA MOSCHEA DI DAHMASH
L’11 luglio 1948 l’89° Battaglione israeliano guidato da Moshe Dayan occupo’ Lydda. Per vendicare l’uccisione di 7 soldati israeliani da parte dei combattenti palestinesi, I sionisti irruppero nella moschea di Dahmash, in cui si erano asserragliati I civili, perlopiu’donne, vecchi e bambini, e ne massacrarono 100, lasciando I corpi a decomporsi per 10 giorni. Il resto della popolazione di Lydda e di Ramle fu spinto verso il campo profughi di Ramallah. Molti profughi morirono di stenti, di sete e a causa del caldo lungo la strada.
 
IL MASSACRO DI DAWAYMA
IL 29 ottobre 1948, l’esercito israeliano massacro’ brutalmente circa 100 persone, attaccando questo villaggio arroccato sulle montagne presso Hebron. Fu uno dei massacri piu’ cruenti della storia palestinese: molti bambini vennero uccisi a bastonate, le vecchie   rinchiuse in una casa e date alle fiamme, I vecchi riparatisi in moschea fatti bersaglio di colpi d’arma.
 
IL MASSACRO DI HOULA
Il villaggio di Houla si trova nel Libano del sud, a pochi km dalla frontiera israeliana. In essa si trovava il quartier generale dei guerriglieri palestinesi, volontari arruolatisi per liberare la Palestina occupata. I militari israeliani attaccarono la cittadina per punire i suoi abitanti che supportavano la resistenza palestinese. Essi, travestiti da arabi penetrarono nel villaggio e cominciarono a sparare tutti i civili che erano andati loro incontro. Di 85 persone, solo tre sopravvissero. Israele occupo’ militarmente la cittadina, ne espulse gran parte degli abitanti (di 12000 abitanti, ne restarono poco piu’ di mille) che, tornati dopo l’armistizio nel 1949, trovarono orti e fattorie bruciati e case demolite.
 
IL MASSACRO DI SALHA
Nel 1948, dopo aver forzato la popolazione della cittadina ad asserragliarsi nella moschea, le forze d’occupazione ordinarono di mettersi con la faccia al muro e cominciarono a sparare finche’ la moschea non si trasformo’ in un lago di sangue. 105 persone furono assassinate.
 
IL MASSACRO DI SHARAFAT
Il 7 febbraio 1951 I soldati israeliani attraversarono la linea d’armistizio ed entrarono in questo villaggio (5 km da Gerusalemme) e fecero saltare in aria la casa del sindaco e le case circostanti. 10 persone persero la vita: 2 vecchi, 3 donne e 5 bambini, mentre 8 furono gravemente ferite.
 
IL MASSACRO DI QIBYA
La notte del 14 ottobre 1953, 600 soldati appartenenti alla forza militare israeliana si mossero verso il villaggio e lo circondarono. L’attacco comincio’ con fuoco d’artiglieria pesante e indiscriminato verso le case del villaggio. Precedentemente l’esercito aveva provveduto ad isolare Qibya minando le strade di collegamento con Shuqba, Badrus e Na’lin. Quest’odioso attacco terroristico si concluse con la distruzione di 56 case, la moschea del villaggio, la scuola e la cisterna dell’acqua. 67 cittadini persero la vita e molti restarono feriti. Il terrorista Ariel Sharon, comandante dell’unita’ 101, che condusse l’aggressione terroristica, disse: “Gli ordini erano chiari: Qibya doveva essere d’esempio a tutti”.
 
IL MASSACRO DI KAFR QASEM
Il 29 ottobre 1956, alcune unita’ delle Guardie di Frontiera israeliane, in giro per il Triangolo di villaggi, giunti a Kafr Qasem, ingiunsero alla popolazione di restare in casa avendo ordinato che il coprifuoco cominciasse un’ora prima del solito. I 40   lavoratori che coltivavano i campi dei dintorni, giunti in ritardo in citta’, furono fatti allineare e sparati alla schiena a bruciapelo. Il governo israeliano, aiutato dalla stampa, fece tutto quanto era possibile affinche’ la verita’ sulla strage restasse nascosta. Si parlo’ di errore e si cercarono i colpevoli, che furono identificati in Lt.Daham e nel Maggiore Melindi: questi, colpevoli dell’omicidio di 43 persone, furono condannati a pene miti, poi ridotte di un terzo, e, alla fine,       nel settembre 1960, Daham ebbe l’incarico di Ufficiale per gli Affari Arabi al municipio di Ramle.
 
IL MASSACRO DI KHAN YUNIS
Il 3 novembre del 1956, le forze d’occupazione israeliane si macchiarono di un’altra orrenda strage nella cittadina di Khan Yunis e nell’adiacente campo profughi. L’esercito, con la scusa che la cittadina era abitata da elementi della resistenza, rase al suolo molte case e fece strage di civili disarmati. Una commissione investigativa dell’UNRWA conto’275 vittime, ma, qualche mese dopo, la scoperta di una fossa comune nei pressi della citta’ porto’ alla luce I cadaveri di 40 palestinesi coi polsi legati e fori di proiettile alla nuca.
 
IL MASSACRO DI GAZA
La sera del 5 aprile 1956, le forze d’occupazione sioniste sferrarono un attacco con artiglieria pesante sul centro della citta’. 56 persone morirono immediatamente, e 106 restarono ferite. Di queste, altre 4 morirono poco dopo.
 
IL MASSACRO DI SAMMOU’
Il 13 novembre 1966 le forze israeliane compirono un raid contro questo villaggio, distruggendo 125 case, la clinica e la scuola, e 15 case del circondario. 18 morti e 54 feriti.
IL MASSACRO DI KAWNIN
Il 15 ottobre 1975 un tank israeliano tampono’ deliberatamente un bus con 16 persone a bordo, nel sud del Libano. Nessuno sopravvisse.
 
IL MASSACRO DI HANIN
Ancora una volta e’ il sud del Libano ad essere teatro di attacchi terroristici israeliani. Dopo un assedio di due mesi, le forze d’occupazione penetrarono nel villaggio e massacrarono 20 civili.
 
IL MASSACRO DI BINT JBEIL
L’affollato mercato della cittadina libanese fu l’obiettivo delle bombe israeliane, il 21 ottobre 1976. 23 persone persero la vita, 30 restarono gravemente ferite.
 
IL MASSACRO DI ABBASIEH
Durante l’invasione israeliana del Libano del 1978, gli aeroplani da guerra sionisti distrussero la moschea della citta’, usata come rifugio da donne, bambini e vecchi. 80 persone furono trucidate.
 
IL MASSACRO DI SAIDA
Il 4 aprile 1981 il quartiere residenziale di Saida, in Libano, fu colpito dall’artiglieria israeliana, che uccise 20 civili, ne feri’ 30 e distrusse molte case.
 
IL MASSACRO DI FAKHANI
Uno dei piu’ orribili compiuti in Libano da Israele. IL 17 luglio 1981, aeroplani da guerra israeliani lanciarono bombe su questo quartiere residenziale densamente popolato. 150 furono i morti, 600 I feriti.

IL MASSACRO DI TEL EZ ZATAR
Circa 3000 profughi trucidatitrucidate

 

IL MASSACRO DI SABRA E SHATILA

Quest’orrendo massacro, compiuto nel settembre 1981, fu il risultato del tentativo estremo di estirpare la presenza palestinese in Libano, da parte israeliana. Esso fu preceduto da continui attacchi ai campi profughi libanesi, di cui il mondo seppe poco e fu compiuto dall’azione congiunta del Ministro della difesa israeliano, il terrorista Ariel Sharon ed il suo alleato libanese, Ilyas Haqiba. Il piano fu meticoloso: all’alba del 15 settembre, Israele circondo’ i due campi profughi di Sabra e Shatila, isolandoli completamente. Il compito di condurre fisicamente il massacro fu assegnato alle forze falangiste libanesi, alleate d’Israele, che iniziarono la carneficina nel pomeriggio del 16 settembre e continuarono per 36 ore. I palestinesi che cercarono scampo evadendo dal campo furono ricondotti al loro destino dalle forze israeliane, che illuminavano i campi, durante la notte del massacro, con le torce degli elicotteri. Il 18 settembre, il massacro era compiuto, e migliaia di palestinesi trovarono una morte orrenda. I giornalisti stranieri che riuscirono a penetrare nei campi si trovarono di fronte uno spettacolo agghiacciante. Cataste di cadaveri ammucchiati nelle strade e nelle case sventrate, e fuoriuscenti dalle fosse comuni scavate precipitosamente dai terroristi. Il numero dei morti non e’ mai stato stabilito con esattezza, ma si puo’ stabilire una cifra approssimativa di 1700-2500 vittime.
 
Altri massacri furono perpetrati in Libano tra il 1984 e il 1986, come I massacri di JIBSHIT, di SOHMOR, di SIR EL-GHARBIYA, di MAARAKA, di ZRARIYAH, di HOMIN AL-TAHTA, di JIBAA, di YOHMOR, e di TIRO. Quasi tutti condotti attraverso bombardamenti di civili attuati con elicotteri ed aerei da guerra.
 
I MASSACRI NEI CAMPI PROFUGHI PALESTINESI
AL-NAHER AL-BARED: nel dicembre 1986, aeroplani da guerra israeliani compirono un raid contro questo campo, uccidendo 20 rifugiati e ferendone 22.
AYN EL-HILWEH: nel settembre 1987, jet da guerra israeliani lanciarono un’offensiva contro il campo profughi, uccidendo 31 persone e ferendone 41. Altri 34 civili furono deliberatamente uccisi mentre evacuavano il campo.
 
IL MASSACRO DI OYON QARA
Il 20 maggio 1990, soldati israeliani aprirono il fuoco su un gruppo di lavoratori palestinesi, uccidendone sette. Durante la successiva manifestazione di lutto, ne furono uccisi altri 13.
 
IL MASSACRO DELLA MOSCHEA DELL’ AQSA
L’8 ottobre 1990, fu compiuto uno dei peggiori massacri della storia di Gerusalemme; qualche giorno prima della strage un gruppo di fanatici ebrei ortodossi progettarono una marcia sulla spianata delle Moschee di Gerusalemme per sistemare la pietra miliare del “Terzo Tempio” che di li’ a poco avrebbero costruito. Alla marcia parteciparono circa 200.000 israeliani scortati dall’esercito, mentre le forze d’occupazione sbarravano le vie d’accesso alla citta’. Inoltre chiusero le porte d’ingresso della moschea, in cui migliaia di palestinesi erano giunte per resistere alla prepotenza degli occupanti. Allorche’ I fedeli musulmani si opposero e tentarono d’impedire la sistemazione della pietra nella spianata delle Moschee, le forze d’occupazione iniziarono il massacro, usando tutte le armi che avevano a disposizione, compreso il micidiale gas nervino. I coloni ebrei che partecipavano alla marcia parteciparono al massacro, che vide la morte di 23 palestinesi e il ferimento di altri 850. La commissione d’inchiesta-farsa creata dal terrorista Yitzaq Shamir, allora primo ministro, per indagare sulle responsabilita’ del massacro, ed affidata a Tu’fi Zamir, ex capo del Mossad, stabili’ che: “la responsabilita’ dell’escalation di violenza e’ imputabile alle migliaia di musulmani estremisti, che hanno attaccato il luogo santo ebraico”.
 
IL MASSACRO DI HEBRON
Mentre i fedeli musulmani erano inginocchiati in preghiera nella moschea di Abramo ad Hebron, venerd? 25 febbraio 1994, furono colpiti da centinaia di pallottole provenienti da ogni parte. Gia’ dal giorno prima, coloni ebrei appostati nei dintorni della moschea cercavano di impedirne l’accesso ai fedeli indirizzando spari in direzione della moschea. Il giorno del massacro, un colono terrorista ebraico, Baruch Goldstein, seguace della setta ultrarazzista del rabbino Meir Kahane, armato di fucile automatico, penetro’ nella moschea mentre i fedeli eseguivano la preghiera del tramonto e comincio’ a sparare all’impazzata. Era accompagnato da almeno altri due coloni, pure armati, e spalleggiato dall’esercito che sostava poco distante dalla moschea. Mohammed Suleyman Abu Salih, custode della moschea, affermo’: “Il terrorista cerco’ di uccidere quante piu’persone poteva. I corpi delle vittime giacevano ovunque, ed i tappeti erano coperti di sangue. I soldati israeliani non intervennero affatto per fermare il massacro, anzi, cercarono anche di rallentare l’accesso delle autoambulanze”. Il terrorista Goldstein fu ucciso sul posto, ma prima aveva avuto il tempo di uccidere 24 palestinesi e di ferirne gravemente almeno 100. La tomba del terrorista Goldstein e’ tuttora meta di pellegrinaggio da parte di coloni fanatici appartenenti alla sua setta.
 
IL MASSACRO DI JABALYA
Il 28 marzo 1994, alcuni soldati israeliani aprirono il fuoco su alcuni giovani palestinesi, uccidendone 6 e ferendone 49.
 
IL MASSACRO DEL CHECKPOINT DI ERETZ
Il 17 luglio 1994, 11 palestinesi furono colpiti a morte e 200 furono feriti al valico di Heretz dall’azione congiunta di carriarmati e coloni armati israeliani. La strage provoco’incidenti a catena in tutta la Cisgiordania e Gaza, durante I quali altri due palestinesi furono uccisi.
 
MASSACRO DI DEIR AL-ZAHRANI
Il 5 agosto 1994, aeroplani da guerra israeliani bombardarono un palazzo a due piani nella cittadina libanese. 8 morti, 17 feriti.
 
MASSACRO DI NABATIYEH
Elicotteri da guerra israeliani colpirono un pullman scolastico pieno di bambini, il 21 marzo 1994. Quattro bambini restarono uccisi e 10 feriti
 
IL MASSACRO DI MNSURIAH
Il 13 aprile 1996, un elicottero da guerra israeliano apri’ il fuoco contro una Volvo station Wagon equipaggiata come autoambulanza, uccidendo due donne e quattro ragazze. Alcuni fotografi presenti alla scena filmarono il massacro, ed i soldati delle N.U. giunti immediatamente sul posto, verificarono che a bordo del veicolo non c’erano armi ne’alcuno dei passeggeri era membro del partito libanese degli Hezbollah.
 
IL SECONDO MASSACRO DI NABATIYEH
Il 18 aprile 1998, elicotteri da guerra israeliani aprirono il fuoco contro una casa nella cittadina libanese, sterminando una famiglia di otto persone: una madre e i suoi otto figli, l’ultimo dei quali di appena quattro giorni.
IL MASSACRO DI QANA
Il progetto sionista di pulizia etnica condotto da Israele contro I palestinesi dei territori occupati, si estese anche a quelli residenti nel Libano del sud. Il 18 aprile 1996, elicotteri da Guerra bombardarono un rifugio in cui avevano cercato scampo centinaia di civili palestinesi e libanesi, in gran parte donne, vecchi e bambini.
L’attacco causo’ la morte di 109 persone e il ferimento di altri 116. le investigazioni internazionali dimostrarono che Israele aveva deliberatamente colpito il rifugio. La responsabilita’ della strage fu addebitata a Shimon PERES.
 
IL MASSACRO DI TRQUMIA
Il 10 marzo 1998, nella Cisgiordania occupata, soldati israeliani aprirono il fuoco contro un pullman carico di lavoratori palestinesi che oltrepassava il valico di Heretz per recarsi a Tel Aviv. I testimoni della strage affermarono che “i soldati avevano sparato indiscriminatamente, per uccidere”. Nell'”incidente”, come fu definita la strage dal ministro della Difesa israeliano Mordechai, furono uccisi tre palestinesi e molti furono feriti.
 
IL MASSACRO DI JANTA
Gli elicotteri da guerra israeliani presero di mira, questa volta, una madre libanese ed i suoi sei figli, che morirono nel selvaggio attacco alla periferia di Janta, il 22 dicembre 1998.
 
IL MASSACRO DEL 24 GIUGNO 1999
Il bombardamento di una palazzina a Beirut provoca la morte di 8 persone ed il ferimento di altre 84.
 
IL MASSACRO DELLA BEKAA
Il 29 dicembre 1999, elicotteri israeliani lanciarono bombe contro un gruppo di bambini che celebravano la festivita’ dell'”eid”. Otto bambini restarono uccisi e 11 feriti.
 
Questi sono i piu’ tristemente famosi massacri compiuti dalle forze d’occupazione sioniste in Palestina e nel sud del Libano fino al 1999. Se a questi sono aggiunti tutti i raids compiuti dall’aviazione israeliana nel Libano (circa 25.000 morti)ed i massacri delle due rivolte popolari palestinesi (l’intifada del 1987 e quella del 2000), il panorama del tributo di sangue pagato da palestinesi e libanesi per il raggiungimento della liberta’ diventa ancora piu’ impressionante. La nostra memoria va a tutti questi uomini, donne, bambini, caduti per mano di una violenza omicida cieca che nessuno puo’ osare definire “difesa della patria”.
 

thanks to: arabcomint

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.