La polizia israeliana ammette: Hamas non c’entra con i ragazzi rapiti e uccisi.

26/7/2014

images (1)InfoPal. “Un portavoce della polizia sionista, Micky Rosenfeld, ha detto all’invito della BBC a Gerusalemme, Jon Donnison: ‘Hamas non c’entra con i ragazzi rapiti e uccisi’”.

Era chiaro sin dall’inizio che Hamas, e con ogni probabilità anche gli altri movimenti palestinesi, fossero estranei alla vicenda dei tre coloni israeliani rapiti e uccisi, e che il caso fosse usato da Israele come “false flag” o giustificazione per scatenare un nuovo genocidio e per tentare di distruggere Hamas.
«Micky Rosenfeld della polizia israeliana – scrive Donnison su Twitter – mi dice che gli uomini che hanno ucciso i tre ragazzi israeliani (sono) decisamente una cellula solitaria, affiliati ad Hamas ma che non operavano sotto la leadership (del movimento)». Poi il giornalista aggiunge: «Rosenfeld dice anche che se il rapimento fosse stato ordinato dalla leadership di Hamas, (la polizia) lo avrebbe saputo per tempo».

Grazie alla potente ondata di emozioni provocata dall’altrettanto potente hasbara israeliana, propaganda, il regime di Tel Aviv è riuscito a scatenare una feroce operazione militare contro la Cisgiordania e una guerra contro la Striscia di Gaza, provocando un migliaio di morti e oltre 5700 feriti, e arrestando decine di cittadini e politici palestinesi. Il tutto, nel silenzio della cosiddetta comunità internazionale.

L’hasbara ha funzionato bene. Così bene che i nostri municipi si sono trasformati in succursali del governo sionista, esponendo gigantografie dei tre giovani coloni. Per non parlare dei nostri media mainstream, che hanno dedicato alla vicenda le prime pagine creando tra molti italiani che hanno l’abitudine di non porsi interrogativi e prendere per oro colato tutto ciò che leggono nei quotidiani o vedono nei tg, l’idea che Israele, tutto sommato, ha ragione nel prendersela con i palestinesi.

Inoltre, ha ricevuto un’altra conferma: l’hasbara funziona. Israele sa che può inventare qualsiasi menzogna, senza neanche costruirla bene, perché il mondo occidentale se la beva e si scateni, come è successo, per esempio, con politici, amministratori e media italiani.

Il risultato di questo sonno della ragione a livello globale ha fatto sì, ancora una volta nella storia di questa umanità oscurata e distruttiva, che un altro genocidio avesse luogo, nel silenzio e nella connivenza internazionali.

Ci si chiede, perché la polizia israeliana ora ammette che Hamas non c’entra nulla?

Perché Israele ha fallito nel tentativo di distruggere il movimento islamico, ma, anzi, lo ha rafforzato nella sua immagine pubblica internazionale, in quanto gruppo di resistenza palestinese in grado, insieme a tutte le altre brigate, di tenere testa al quinto esercito più potente del mondo e di provocare oltre 30 morti tra i soldati sionisti?

http://www.ilgiornale.it/news/gaza-polizia-israeliana-i-tre-ragazzi-rapiti-non-uccisi-1040828.html

http://www.piccolenote.it/19813/i-tre-ragazzi-israeliani-uccisi-da-una-cellula-solitaria-non-da-hamas

http://www.dailydot.com/politics/israel-gaza-kidnap-false-inaccurate/

https://twitter.com/JonDonnison/statuses/492632584736612353

thanks to: Infopal

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.