Puglia: ispezioni sismiche Northern Petroleum a 14 miglia davanti ad Ostuni e Monopoli per Marzo 2018

Le concessioni FR 39 DP e FR 40 NP della Northern Petroleum
da cui sono state ricavate due zone per eseguire airgun in Adriatico
I nuovi ritagli sono proprio al confine con la zona di interdizione delle 12 miglia
Qui la panoramica dei mari di Puglia e di Basilicata e di Calabria
coperti da concessioni petrolifere
Il cronoprogramma prevede che l’airgun Northern Petroleum arrivera’ a Marzo 2018.
Sono le scatoline in giallo.
La concessione FR 39 NP e’ stata accordata nel 2007 e valeva fino al 2013.
La previsione era di farci airgun in 2D con possibile integrazione in 3D.
Per l’airgun in 2D e’ stata esclusa la procedura dalla Valutazione di Impatto Ambientale
Quelli della Northern Petroleum hano eseguito airgun in 2D nel 2011
Sempre nel 2011 hanno chiesto di eseguire airgun in 3D
sempre senza presentare la VIA
ma il ministero gli ha detto di no.
La VIA e’ necessaria.
E allora la Northern Petroleum ha presentato la VIA.
Siccome la concessione scadeva nel 2013 l’hanno sospesa ogni anno
 finche non sono riusciti ad ottenere il permesso di fare airgun.
Si chiama “sospensione decorso temporale”.
E con cio’ la Northern Petroleum e’ riuscita ad allungare il brodo
(e l’airgun!) almeno fino al 6 Marzo 2019.
E finalmente il permesso di fare “crociere sismiche” nelle concessioni
FR 39 NP e FR 40 NP e’ arrivato nel 2015,
dal nostro beneamato Ministero dell’Ambiente
Prevedono di fare l’airgun nel 2018.
——

COME SEMPRE, CARI GIORNALISTI DI PUGLIA,
SE USATE, CITATE

Cabot Energy Plc is an oil and gas exploration and production company 
quoted on the AIM Market of the London Stock Exchange. 
The Company is focused on production led growth which will 
deliver cash flow and demonstrable value for shareholders

La Northern Petroleum e’ una ditta inglese con sede a Londra ed e’ quotata presso la AIM, la Alternative Index Market, cioe’ la borsa delle ditte minori, quelle piu’ rischiose.

Il giorno 27 Luglio 2017 ha cambiato il suo nome in Cabot Energy. Ma non ha importanza il nome che si e’ scelta, il fatto e’ che questa micro-ditta ha preso di mira i mari della Puglia per fare airgun e trivelle e per portare “flusso di cash” e valore dimostrato ai suoi investitori.

Insomma, speculatori.

Assieme agli americani della Global Med, agli australiani della Global Petroleum Limited, ai norvegesi della Spectrum, agli italiani dell’ENI, abbiamo allora anche gli inglesi della Northern Petroleum a venire a sparare nei mari di Puglia alla ricerca di giacimenti di petrolio.

Fra le concessioni in loro possesso la FR 39 NP e la FR 40 NP, davanti alle coste di Monopoli e di Ostuni, Brindisi, Carovigno.

Queste concessioni sono state ridisegnate per eseguire airgun: dalle due concessioni contigue hanno ricavato due “zone” che in totale occupano un area di 860 chilometri quadrati.

In questi giorni annunciano al Ministero dell’Ambiente di avere preparato il loro “cronoprogramma” e che sono pronti per iniziare le operazioni di airgun nel Marzo del 2018.

Le operazioni di airgun sono di presa dati in tre-dimensioni, e sono le piu’ impattanti perche’ –ovviamente — per avere una visuale tre-dimensionale del sottosuolo e dei suoi possibili giacimenti petroliferi, occorre prendere molti piu dati che in due-dimensioni.

E quindi, molti piu’ spari.

Che cos’e’ il “cronoprogramma”?

Essenzialmente la lista di date e di attivita’ collegate all’airgun che deve essere comunicata alle autorita’ locali in modo che possano essere informate di quello che accade in mare.

Questo e’ importante perche’, come dice il ministero, occorre essere certi che non ci siano attivita’ di interferenza con altre ditte petrolifere che fanno lo stesso lavoro.

Come detto, sono diverse le ditte che vogliono fare airgun al largo della Puglia e occorre che ci si metta in ordine e che non siano li a sparare tutti assieme.  Cioe’, tutti a sparare si, ma almeno uno alla volta!

Dal rapporto-cronoprogramma della Northern Petroleum apprendiamo cosi che l’ultima campagna di presa dati airgun in Adriatico e’ stata eseguita nel 2011, dalla Northern Petroleum stessa, per dati in due-dimensioni. Si vede che non gli piacevano le immagini e che ora vogliono tornare a fare presa dati in tre-dimensioni!

Si apprende pure che, sebbene non possano accertarlo con certezza al 100%, le operazioni di airgun saranno eseguite fra il 12 Marzo 2018 e il 15 Aprile 2018.

E’ sempre difficile ripercorrere tutto l’iter di queste concessioni, ma al meglio delle mie capacita’ giornalistiche, sono riuscita ad appurare quanto segue:

1. Le concessioni FR 39 NP e FR 40 DP vennero accordate nel 2007; la Northern Petroleum avrebbe potuto fare operazioni di airgun anche senza presentare una Valutazione di Impatto Ambientale. La concessione scadeva nel 2013.

2. L’airgun in 2D venne eseguito nel 2011.

3. Sempre nel 2011 la Northern Petroleum chiede di andare in 3D, e vogliono andarci senza presentare la Valutazione di Impatto Ambientale.

4. Il ministero gli dice di no, e danno parere negativo alla “richiesta di esculsione” dalla VIA.

5 La Northern Petroleum presenta allora la VIA, che gli viene approvata nel 2012. Sarebbe stata un area di circa 1200 chilometri quadrati.  Successivamente la richiesta viene modificata, e l’area trivellanda ristretta, in parte per essere conformi al nuovo limite delle 12 miglia di interdizione dalla costa. L’approvazione finale dell’airgun in 3D arriva nel 2015. Notare dalle cartine in alto le modifiche ai perimetri.

6. La regione Puglia e molti cittadini dicono no, ma il ministero approva lo stesso.

7. Come parte dell’approvazione una serie di “prescrizioni”, le solite sciocchezze all’italiana per sembrare piu’ attenti all’ambiente ma che sono solo delle facciate cosmetiche. Fra queste prescrizioni, l’obbligo di presentare il cronoprogramma prima dell’inizio degli spari.

8. In tutti questi anni hanno chiesto di rimandare la scadenza della fine del permesso. Il ministero glielo ha accordato. E cosi invece che la scadenza nel 2013, il permesso vale fino al 2019, con possibili proroghe ulteriori. In tutti questi anni non hanno mai pagato i canoni allo stato italiano.

9. Nell’area ci sono gia’ dei pozzi non operativi, Rovesti 1 (trivellato nel 1978 dall’Agip e sterile),  Medusa 1 (trivellata nel 1996 da un altra microditta, la Enterprise Oil Exploration e sterile) e Giove 1-2 (anche questi della Enterprise Oil Exploration trivellati nel 1998 e sterili).

10. Nel Marzo del 2018 saranno pronti per la presa dati in 3D.

Ora perche’ tutto questo e’ scandaloso, almeno secondo me.

L’airgun durera’ circa un mese. Gli spari di aria compressa ad intensita’ elevatissima saranno dannosi per la vita marina, in modi che neanche comprendiamo, e in quella zona ci sono delfini e capidogli. Ma il problema e’ piu’ grande dell’airgun in se.

Dopo l’airgun viene il pozzo esplorativo. E dopo il pozzo esplorativo quello permanente. E dopo ancora infrastruttura a terra e a mare, impianti di raffinazione, oleodotti, trasporti, pericolo riversamenti ed incidenti. Il mare pulito di Monopoli che diventa il mare industriale di Gela.

E’ un processo lento magari, ma inarrestabile se nessuno fa niente e se non ci si oppone *adesso*. Dopo e’ troppo tardi.  Gela non e’ arrivata in un giorno, ma alla fine e’ arrivata.

Ma sopratutto la cosa scandalosa e’ la mancanza di democrazia, di informazione, di partecipazione della gente. Se e quando hanno presentato osservazioni, popolo e regione Puglia, non sono stati ascoltati. E quando arrivano i “cronoprogrammi” e le “crociere sismiche” nessuno ne sa niente.

Come nessuno sa niente di chi siano questi qui della Northern Petroleum o della Global Med o della Global Petroleum Limited o della Spectrum venuti chissa da dove.

Sappiamo solo che dovranno mettersi in fila per fare airgun in Puglia.

Non va assolutamente bene.

Sorgente: No all’Italia petrolizzata: Puglia: ispezioni sismiche Northern Petroleum a 14 miglia davanti ad Ostuni e Monopoli per Marzo 2018

Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.