Il prigioniero politico Adnan liberato dopo 2 mesi di sciopero della fame

https://i0.wp.com/www.infopal.it/wp-content/uploads/2018/11/khader-adnan-e1542234589667.jpg?w=800

IMEMC. Dopo uno sciopero della fame di 58 giorni, Khader Adnan è stato rilasciato dalla prigione israeliana.

Questo è stato il terzo sciopero della fame di Adnan: nel 2011 intraprese uno sciopero della fame di 66 giorni e nel 2014 uno “sciopero della fame fino alla morte” di 55 giorni. Divenne un simbolo dei prigionieri palestinesi in sciopero della fame e della loro risoluta resistenza alle orribili condizioni e alla brutalità delle strutture di detenzione israeliane.

Adnan è stato ripetutamente imprigionato dalle autorità israeliane, che lo accusano di essere membro di una “organizzazione bandita”, il Jihad islamico. Ma non è mai stato accusato di aver intrapreso azioni violente o di aver preso parte alla resistenza armata; l’essere semplicemente considerato un “rischio per la sicurezza” lo ha portato in prigione per mesi e persino per anni senza accuse specifiche. Ha trascorso un totale di otto anni nelle carceri israeliane.

L’imprigionamento più recente è durato undici mesi, senza che alcuna accusa venisse esplicitata contro di lui. È uno delle centinaia di prigionieri palestinesi detenuti senza accuse nell’ambito della cosiddetta “detenzione amministrativa”: le autorità israeliane imprigionano i palestinesi a tempo indeterminato senza accuse né accesso a un sistema legale di processi e appelli.

Lo sciopero della fame di Adnan, del 2011, scatenò un movimento tra i prigionieri palestinesi: nel 2012, circa 2.000 prigionieri palestinesi iniziarono uno sciopero della fame chiedendo la fine della politica di detenzione amministrativa, isolamento e altre misure punitive.

Il 28 ottobre di quest’anno, dopo 57 giorni di sciopero della fame, Adnan annunciò che avrebbe smesso di bere acqua. Poco dopo entrò in trattative con le autorità israeliane, che accettarono di rilasciarlo se avesse posto termine allo sciopero della fame.

Fonti informate hanno riferito a PIC che Adnan è stato rilasciato dopo 11 mesi di detenzione amministrativa, giudicata sufficiente da un giudice militare che si era occupato del caso a fine ottobre, dopo che Adnan aveva deciso di astenersi dal bere acqua.

Durante lo sciopero della fame di 58 giorni, la salute di Adnan si era gravemente deteriorata dopo aver smesso di prendere integratori che lo aiutavano a sopravvivere al lungo digiuno. Prima di terminare il suo sciopero, aveva iniziato a mostrare sintomi gravi come il vomito con sangue.

Adnan, 40 anni, di Arrabeh, in Cisgiordania, aveva detto ai suoi avvocati e persone che lo visitavano, che stava facendo lo sciopero della fame per ottenere la libertà, e contro la detenzione senza processo e il rinnovo delle accuse inventate contro di lui.

Ha concluso il suo sciopero in seguito alle promesse di ottenere un’udienza per il suo caso e di interrompere il rinnovo della sua detenzione.

Dall’inizio del suo sciopero, Adnan è stato sottoposto a misure abusive: era in isolamento, veniva spostato da un centro di detenzione a un altro, era privato delle visite e detenuto in condizioni carcerarie dure.

Adnan è sposato ed è padre di sette figli, il più grande dei quali ha 10 anni e la più piccola, Maryam, ha 18 mesi.

thanks to: Infopal

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.